Modulo contatti o via whatsapp (sms) 3791893087 

I motivi che giustificavano l’antieconomicità dell’attività, spiegati dal contribuente, dovevano essere considerati in sentenza. Accolto il ricorso della contribuente. Featured

Scritto da Avv. Federico Pau
Vota l'articolo!
(0 voti)

Estratto: “i motivi sono fondati in quanto effettivamente la sentenza impugnata non tiene affatto conto degli elementi forniti dalla ricorrente e non li considera in rapporto alla motivazione del provvedimento impugnato basato solo sull'antieconomicità che costituisce elemento grave e preciso che onera il contribuente a fornire giustificazioni; che nel caso in esame la sentenza impugnata ha considerato solo l'antieconomicità senza alcun riferimento a quanto dedotto dalla ricorrente e senza una sua conseguente valutazione; che la sentenza impugnata va conseguentemente cassata”.

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it 

***

Per richiedere una consulenza a seguito del ricevimento di un questionario, invito al contraddittorio, invito a comparire o avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate, compila il modulo contatti che trovi nella pagina principale del nostro sito http://www.studiotributariodlp.it o nella pagina contatti.

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza, con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Per esaminare alcuni dei risultati (e delle sentenze) ottenuti per i nostri clienti nell’ultimo biennio clicca qui

***

Corte di Cassazione, Sez. 5

Ordinanza n. 34206 del 20 dicembre 2019

Rilevato che

con sentenza n. 263/14/13 pubblicata il 10 aprile 2013 la Commissione tributaria regionale del Lazio ha accolto l'appello proposto dall'Agenzia delle Entrate avverso la sentenza della Commissione tributaria provinciale di Roma che aveva a sua volta accolto il ricorso proposto da C. avverso l'avviso di accertamento n. XXX/2010 con il quale venivano determinate maggiori imposte per l'anno 2005 a seguito di PVC dal quale erano emerse discrasie fra le fatture di acquisto ed i prezzi di vendita risultanti pari o inferiori a quelli di acquisto con conseguente irragionevole antieconomicità nell'attività della ricorrente; che la Commissione tributaria regionale ha considerato l'antieconomicità dell'attività non giustificata dalla ricorrente se non con errori di fatturazione;

che C. ha proposto ricorso per cassazione avverso tale sentenza articolato su tre motivi; che l'Agenzia delle entrate si è costituita tardivamente al solo scopo di partecipare all'eventuale discussione.

Considerato che

con il primo motivo si lamenta violazione e falsa applicazione degli artt. 38 e 39 del d.P.R. 600 del 1973, 54 del d.P.R. 633 del 1972, 2729 cod. civ. ai sensi dell'art. 360, primo comma, n. 3 cod. proc. civ. con riferimento all'affermazione della perdurante perdita di impresa considerata dal giudice dell'appello senza che tale circostanza fosse mai stata dedotta neppure dall'Ufficio;

che con il secondo motivo si deduce vizio di motivazione per omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti ai sensi dell'art. 360, n. 5 cod. proc. civ. nella formulazione successiva alla modifica apportata con l'art. 54 del d.l. 22 giugno 2012, n. 83, convertito in legge 7 agosto 2012 n. 134 applicabile ai giudizi di cassazione anche in materia tributaria, con riferimento alla suddetta perdita di impresa non motivata dal giudice dell'appello;

che con il terzo motivo si deduce ancora vizio di motivazione ex art. 360, n. 5 cod. proc. civ. con riferimento alle censure mosse dalla ricorrente all'avviso di accertamento impugnato e di cui non vi è cenno nella decisione impugnata; che i tre motivi possono essere trattati congiuntamente stante la loro stretta connessione essendo riferiti tutti alla motivazione della sentenza.

Che i motivi sono fondati in quanto effettivamente la sentenza impugnata non tiene affatto conto degli elementi forniti dalla ricorrente e non li considera in rapporto alla motivazione del provvedimento impugnato basato solo sull'antieconomicità che costituisce elemento grave e preciso che onera il contribuente a fornire giustificazioni; che nel caso in esame la sentenza impugnata ha considerato solo l'antieconomicità senza alcun riferimento a quanto dedotto dalla ricorrente e senza una sua conseguente valutazione; che la sentenza impugnata va conseguentemente cassata con rinvio alla medesima Commissione tributaria regionale in diversa composizione che provvederà a valutare anche gli elementi proposti dalla contribuente, e provvederà anche al regolamento delle spese del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso; cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per il regolamento delle spese del giudizio di legittimità, alla Commissione tributaria regionale del Lazio in diversa composizione. Roma, 11 ottobre 2019

***

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it 

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza, con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Inoltre, anche grazie alle innovazioni del processo tributario telematico gli avvocati tributaristi di DLP Studio Tributario rappresentano ed assistono in giudizio contribuenti ed aziende in tutti i fori processuali d’Italia, attraverso la proposizione di ricorsi tributari nonché appelli e ricorsi per cassazione avverso sentenze sfavorevoli. 

Letto 337 volte