Modulo contatti o via whatsapp (sms) 3791893087 

Respinto il ricorso dell’Agenzia delle Entrate che non aveva prodotto il contenuto dell’atto impugnato

Scritto da
Vota l'articolo!
(0 voti)

Estratto: “l'Ufficio non ha riprodotto nel ricorso il contenuto dell'atto impugnato, su cui si incentra la sostanza della doglianza, restando così precluso al giudice di legittimità la verifica della corrispondenza tra contenuto del provvedimento impugnato e quanto asserito dalla parte (v. Cass. n. 16010 del 29/07/2015)”.

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it 

Per rimanere aggiornato iscriviti al nostro canale Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCwYYt0S4B1mOlNSbg7P584w?sub_confirmation=1

***

Per richiedere una consulenza a seguito del ricevimento di un questionario, invito al contraddittorio, invito a comparire o avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate, compila il modulo contatti che trovi nella pagina principale del nostro sito http://www.studiotributariodlp.it o nella pagina contatti.

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza, con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Per esaminare alcuni dei risultati (e delle sentenze) ottenuti per i nostri clienti nell’ultimo biennio clicca qui

***

Corte di Cassazione, Sez. 5,

Sentenza n. 3418 del 12 febbraio 2020

RILEVATO CHE

S. - S.- Srl impugnava l'avviso di accertamento emesso dall'Agenzia delle Entrate per l'anno d'imposta 2003, per Iva, Irpeg ed Irap, con cui contestava l'omessa contabilizzazione di ricavi non fatturati e, quindi, il maggior reddito d'impresa, in relazione a due operazioni di vendita immobiliare attese le differenze emerse dal raffronto tra i preliminari di vendita e la perizia per la concessione del mutuo e il rogito definitivo. L'impugnazione era accolta dalla CTP di Matera. La sentenza era confermata dal giudice d'appello. L'Agenzia delle entrate propone ricorso per cassazione con due articolati motivi, cui resiste la contribuente con controricorso.

CONSIDERATO CHE

1. È infondata, preliminarmente, l'eccezione di improcedibilità del ricorso per violazione dell'art. 369, secondo comma, n. 4 c.p.c. Va rilevato, infatti, che, come precisato dalle Sezioni Unite, «in tema di giudizio per cassazione, per i ricorsi avverso le sentenze delle commissioni tributarie, la indisponibilità dei fascicoli delle parti (i quali, ex art. 25, secondo comma, d.lgs. 31 dicembre 1992, n. 546 restano acquisiti al fascicolo d'ufficio e sono restituiti solo al termine del processo) comporta la conseguenza che la parte ricorrente non è onerata, a pena di improcedibilità ed ex art. 369, secondo comma, n. 4 cod. proc. civ., della produzione del proprio fascicolo e per esso di copia autentica degli atti e documenti ivi contenuti, poiché detto fascicolo è già acquisito a quello d'ufficio di cui abbia domandato la trasmissione alla S.C. ex art. 369, terzo comma, cod. proc. civ., a meno che la predetta parte non abbia irritualmente ottenuto la restituzione del fascicolo di parte dalla segreteria della commissione tributaria; neppure è tenuta, per la stessa ragione, alla produzione di copia degli atti e dei documenti su cui il ricorso si fonda e che siano in ipotesi contenuti nel fascicolo della controparte» (Sez. U, n. 22726 del 03/11/2011; da ultimo Cass. n. 28695 del 30/11/2017).

1.1. Parimenti infondata è l'eccepita violazione dell'art. 366, primo comma, n. 3, c.p.c.: il ricorso, sia pure in termini sintetici, delinea la vicenda, le ragioni di doglianza del contribuente, l'iter processuale e riproduce la motivazione della sentenza impugnata, sicché consente di avere una chiara e completa cognizione dei fatti che hanno originato la controversia e dell'oggetto dell'impugnazione.

2. Il primo motivo del ricorso denuncia, ai sensi dell'art. 360 n. 3 c.p.c., violazione e falsa applicazione degli artt. 39, primo comma, lett. d, primo periodo, d.P.R. n. 600 del 1973, 62 sexies d.l. n. 331 del 1993, 54, terzo comma, d.P.R. n. 633 del 1972, 15 d.l. n. 41 del 1995 e 2697 c.c., nonché, ai sensi dell'art. 360 n. 5 c.p.c., insufficiente motivazione. 2.1. L'Agenzia delle Entrate, in particolare, lamenta (cd. primo profilo) che la CTR non ha tenuto conto dei contratti preliminari prodotti dall'Ufficio, relativi ai medesimi immobili ed anteriori a quelli invocati dalla società, né della coerente perizia tecnica svolta ai fini della concessione del mutuo bancario, ritenendo credibile solo i contratti prodotti dalla parte stessa, con motivazione errata in diritto e del tutto carente sul piano argomentativo. Lamenta inoltre (cd. secondo profilo) che la CTR abbia disatteso la legittimità dell'imputazione dei maggiori ricavi, la cui prova discendeva dalla differenza dei valori indicati nei preliminari rispetto al rogito e dalle perizie dei mutui, così escludendo o sminuendo l'efficacia probatoria dei suddetti atti.

3. Il secondo motivo denuncia, ai sensi dell'art. 360 n. 3 c.p.c., violazione e falsa applicazione degli artt. 3 I. n. 241 del 1990, 7 I. n. 212 del 2000 e 42 d.P.R. n. 600 del 1972 per aver la CTR escluso la rilevanza probatoria dei preliminari indicati dall'Ufficio in quanto non allegati all'avviso e non portati a conoscenza del contribuente, senza considerare che nella motivazione dell'avviso medesimo erano stati riportati gli elementi contenuti in detti atti.

4. Entrambe le doglianze sono inammissibili per difetto di autosufficienza.

4.1. Quanto al primo motivo, univocamente diretto, al di là della dedotta violazione di legge, a censurare la motivazione della sentenza impugnata per l'insufficiente e inadeguata valutazione della documentazione prodotta dall'Ufficio, nessuno dei citati atti è stato trascritto in ricorso, né di essi è stata fornita l'indicazione della sede e momento di deduzione.

4.2. Il medesimo rilievo investe la seconda censura posto che l'Ufficio non ha riprodotto nel ricorso il contenuto dell'atto impugnato, su cui si incentra la sostanza della doglianza, restando così precluso al giudice di legittimità la verifica della corrispondenza tra contenuto del provvedimento impugnato e quanto asserito dalla parte (v. Cass. n. 16010 del 29/07/2015).

5. Il ricorso va pertanto rigettato per inammissibilità dei motivi. Le spese sono regolate, come in dispositivo, per soccombenza.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso; condanna l'Agenzia delle entrate al pagamento delle spese a favore della S. - S. Srl in liquidazione, che liquida in complessive C 7.800,00, oltre spese generali ed accessori di legge.

Deciso in Roma, nell'adunanza camerale del 11 dicembre 2019

***

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it 

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza, con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Inoltre, anche grazie alle innovazioni del processo tributario telematico gli avvocati tributaristi di DLP Studio Tributario rappresentano ed assistono in giudizio contribuenti ed aziende in tutti i fori processuali d’Italia, attraverso la proposizione di ricorsi tributari nonché appelli e ricorsi per cassazione avverso sentenze sfavorevoli.

Letto 207 volte
DLP