Scrivici per investire in una consulenza o videocorso compilando il Modulo contatti (CLICCA QUI)

 

Email Segretaria@networkdlp.it

 

 

Implicazioni fiscali del nomadismo digitale: navigare le tasse mentre si lavora da remoto

Scritto da
Vota l'articolo!
(0 voti)

Implicazioni fiscali del nomadismo digitale: navigare le tasse mentre si lavora da remoto

***

Prima di esaminare nel concreto il testo del contributo, se è la tua prima volta qui, ecco

ALCUNI DEI SERVIZI DEI PROFESSIONISTI

DEL NOSTRO NETWORK

DIPARTIMENTO TRIBUTARISTI

 Ti difendiamo da cartelle, avvisi di accertamento o verifiche fiscali, e combattiamo nel processo per farti ottenere l’annullamento o ti rappresentiamo per trovare un accordo con l'Agenzia delle Entrate e ridurre il debito;

 Ti aiutiamo, grazie agli strumenti della pianificazione internazionale ed all’ottimizzazione fiscale internazionale: - a proteggere il tuo patrimonio, conti correnti, immobili, beni, e renderli "intoccabili", con trust, società estere od altri strumenti avanzati di protezione; - a ridurre o azzerare le tasse pianificando il trasferimento all'estero della tua impresa, attività e/o dei tuoi assets, aprendo società estere, o trasferendo la tua residenza fiscale all'estero, utilizzando tutti i paradisi fiscali a tuo vantaggio; - a creare un PIANO B, per tutelarti qualsiasi cosa accada in Europa, anche acquisendo molteplici permessi esteri di residenza permanente o di lungo periodo, o persino seconde cittadinanze;

Se non sei ancora pronto per una consulenza diretta con noi, ma vuoi ugualmente fare qualcosa per pagare molte meno tasse e contributi con l’ottimizzazione fiscale internazionale, puoi iniziare acquistando su Amazon il libro “I segreti dell’ottimizzazione fiscale internazionale” scritto dall’Avv. Federico Pau, cliccando sul seguente link https://www.amazon.it/dp/B0C2S9ZYNB disponibile sia in formato cartaceo che digitale.

DIPARTIMENTO PENALISTI

 Ti difendiamo e creiamo per te la strategia migliore per arrivare alla tua assoluzione totale.

DIPARTIMENTO CIVILISTI

 Ti aiutiamo a far valere le tue ragioni, e puoi affidarci il compito di scrivere e diffidare o “denunciare” - in qualità di tuoi avvocati - chi non ti ha pagato o chi ti sta recando un danno od un disagio.

Se sei un professionista e vuoi unirti al network clicca qui.

*** 

Introduzione:

Nel mondo odierno sempre più interconnesso, il nomadismo digitale è emerso come una scelta di stile di vita popolare per i professionisti che desiderano combinare lavoro e viaggio. Tuttavia, destreggiarsi tra le implicazioni fiscali di questo stile di vita può essere complesso, poiché i nomadi digitali hanno spesso obblighi fiscali unici in base al paese di cittadinanza, alla residenza fiscale e ai paesi che visitano. Questo articolo esplorerà le implicazioni fiscali del nomadismo digitale, offrendo spunti ed esempi per aiutare i lavoratori remoti a gestire in modo efficace i propri affari fiscali.

  1. Determinazione della residenza fiscale:

Uno dei primi passi per i nomadi digitali è determinare il loro status di residenza fiscale. Le norme sulla residenza fiscale variano da paese a paese e possono dipendere da fattori quali il numero di giorni trascorsi in un paese, una residenza permanente o un interesse economico sostanziale nel paese. Alcuni paesi, come gli Stati Uniti, tassano i propri cittadini sul reddito mondiale indipendentemente dalla loro presenza fisica nel paese. Pertanto, è essenziale che i nomadi digitali comprendano le norme sulla residenza fiscale del loro paese d'origine e i paesi che intendono visitare.

Esempio: nel Regno Unito, la residenza fiscale di un individuo è determinata dallo Statutory Residence Test (SRT), che tiene conto di fattori quali il numero di giorni trascorsi nel Regno Unito, l'avere una casa nel Regno Unito e il lavoro a tempo pieno nel Regno Unito.

  1. Comprensione dei trattati fiscali e degli accordi sulla doppia imposizione:

I nomadi digitali possono essere soggetti a doppia imposizione, in quanto sono tassati sullo stesso reddito da due paesi diversi. Per mitigare questo, i paesi hanno stipulato trattati fiscali o accordi di doppia imposizione (CDI) che ripartiscono i diritti di tassazione tra i paesi e spesso forniscono sgravi dalla doppia imposizione.

Esempio: un cittadino statunitense che lavora a distanza in Germania può essere soggetto a imposte statunitensi e tedesche sul suo reddito da lavoro dipendente. Tuttavia, il trattato fiscale tra Stati Uniti e Germania può fornire uno sgravio consentendo all'individuo di richiedere un credito d'imposta estero sulla propria dichiarazione dei redditi negli Stati Uniti per le imposte pagate in Germania.

  1. Esclusione del reddito da lavoro estero (FEIE) e crediti d'imposta esteri:

Per i cittadini statunitensi e gli stranieri residenti, la Foreign Earned Income Exclusion (FEIE) consente loro di escludere una certa quantità di reddito da lavoro estero dal loro reddito imponibile negli Stati Uniti. Inoltre, possono richiedere un credito d'imposta estero per le imposte sul reddito pagate in un paese straniero. Queste disposizioni possono contribuire a ridurre l'onere fiscale complessivo per i nomadi digitali con obblighi fiscali statunitensi.

Esempio: un cittadino statunitense che lavora da remoto in Spagna può utilizzare il FEIE per escludere fino a $ 108.700 (limite 2021) del proprio reddito da lavoro estero dalla tassazione statunitense. Possono anche richiedere un credito d'imposta estero sulla loro dichiarazione dei redditi degli Stati Uniti per le imposte sul reddito spagnole pagate.

  1. Navigazione IVA e GST mentre si lavora da remoto:

L'imposta sul valore aggiunto (IVA) e l'imposta sui beni e servizi (GST) sono imposte indirette imposte sul consumo di beni e servizi. Come nomade digitale, è essenziale comprendere le regole IVA e GST dei paesi che visiti e qualsiasi potenziale obbligo per le tue attività commerciali.

Esempio: un nomade digitale che offre servizi di web design in Francia può essere tenuto a registrarsi per l'IVA, addebitare l'IVA francese ai propri clienti e versare l'IVA riscossa alle autorità fiscali francesi.

  1. Contributi previdenziali e assicurativi sanitari:

I nomadi digitali dovrebbero anche considerare i loro obblighi di sicurezza sociale e assicurazione sanitaria. In alcuni casi, ai nomadi digitali potrebbe essere richiesto di contribuire al sistema di sicurezza sociale del loro paese d'origine, mentre in altri casi potrebbe essere necessario contribuire al sistema del paese in cui lavorano.

Esempio: un nomade digitale canadese che lavora in Italia può essere soggetto a contributi previdenziali canadesi e italiani. Tuttavia, l'accordo di sicurezza sociale Canada-Italia può consentire all'individuo di scegliere a quale sistema di sicurezza sociale del paese contribuire, evitando doppi contributi.

  1. Pianificazione e strutturazione fiscale per i nomadi digitali:

Una corretta pianificazione fiscale è fondamentale per i nomadi digitali per ridurre al minimo il loro onere fiscale globale e garantire il rispetto delle leggi fiscali. Ciò può comportare la scelta di una struttura societaria efficiente dal punto di vista fiscale, l'utilizzo efficace di trattati fiscali e accordi sulla doppia imposizione e la considerazione della residenza fiscale e della pianificazione del domicilio.

Esempio: un nomade digitale australiano può costituire una società in una giurisdizione con leggi fiscali favorevoli, come Singapore, per beneficiare di aliquote dell'imposta sulle società inferiori e ridurre potenzialmente il proprio debito fiscale personale.

  1. Archiviazione e conformità:

I nomadi digitali devono conservare registri accurati delle loro entrate, spese e documenti fiscali. Ciò include tenere traccia dei giorni trascorsi in ogni paese, fatture e ricevute per le spese aziendali e qualsiasi dichiarazione dei redditi presentata in più giurisdizioni. Una buona tenuta dei registri è essenziale per la conformità fiscale e può essere utile in caso di verifica fiscale.

Esempio: un nomade digitale che è uno scrittore freelance dovrebbe tenere traccia di tutte le fatture dei clienti, dei pagamenti ricevuti e di tutti i documenti fiscali dei paesi in cui ha obblighi fiscali.

  1. Ricerca di consulenza fiscale professionale:

Data la complessità delle leggi fiscali internazionali, si consiglia vivamente ai nomadi digitali di cercare una consulenza fiscale professionale per garantire la conformità e ottimizzare la propria pianificazione fiscale. Un consulente fiscale qualificato può fornire consulenza su misura in base alle circostanze uniche di un individuo e aiutare a navigare nella complessità delle leggi fiscali in diverse giurisdizioni.

Esempio: un nomade digitale neozelandese che intende trascorrere molto tempo in più paesi europei può consultare un consulente fiscale per determinare la migliore strategia per la residenza fiscale, i contributi previdenziali e i potenziali vantaggi derivanti da trattati fiscali.

Conclusione:

Il nomadismo digitale offre numerose opportunità ai lavoratori remoti di esplorare il mondo continuando le loro attività professionali. Tuttavia, navigare tra le implicazioni fiscali di questo stile di vita può essere difficile. Comprendendo le regole sulla residenza fiscale, utilizzando i trattati fiscali e gli accordi sulla doppia imposizione e cercando una consulenza fiscale professionale, i nomadi digitali possono gestire efficacemente i loro affari fiscali e ridurre al minimo il loro carico fiscale globale.

Dichiarazione di non responsabilità: parla sempre direttamente con un avvocato; i post del blog non sono una fonte di informazioni sufficiente per prendere decisioni, potrebbero non essere appropriati per la tua situazione e potrebbero non essere aggiornati nel momento in cui li leggi, parla sempre direttamente con un avvocato.

Servizi di Fiscalità Internazionale

Se è la tua prima volta, ecco alcuni esempi dei risultati che possiamo aiutarti a raggiungere nell’ambito della fiscalità internazionale:

- servizi di ottimizzazione fiscale internazionale, per ridurre le tue tasse (anche a zero);

- servizi di trasformazione della tua impresa tramite l’associazione, da un lato, dell’Intelligenza Artificiale, per ridurre i costi e aumentare il fatturato, e, dall’altro lato, la contemporanea ottimizzazione fiscale internazionale, per azzerare (o grandemente ridurre) le tasse.

- servizi di analisi a 360 gradi della tua situazione specifica (personale e lavorativa) per aiutarti a scegliere il/i paese/i migliore/i per le tue specifiche esigenze, che ti garantiscano sia il risparmio fiscale sia tutte ciò che desideri in base alle tue esigenze (ad esempio maggiori opportunità commerciali, qualità della vita migliore, assenza di burocrazia che frena la tua impresa, maggiori libertà personali, operative e di impresa);

- servizi di protezione dei tuoi beni, conti, immobili, assets digitali, ed altro;

- servizi per aiutarti a diventare un imprenditore internazionale/globale, in grado di utilizzare tutte le normative fiscali mondiali a proprio vantaggio;

- servizi di ideazione di strategie personalizzate per permetterti di beneficiare personalmente dei paradisi fiscali;

- servizi di creazione del piano mondiale individualizzato, che a seconda delle tue caratteristiche, individui tutte le opzioni al mondo di ottimizzazione fiscale internazionale per la tua specifica situazione;

- servizi di creazione di piani di protezione idonei a prevenire e proteggerti da accertamenti fiscali, che invece subiscono frequentemente, dopo 4-5 anni dall’espatrio, i contribuenti che si trasferiscono senza assistenza di avvocati tributaristi qualificati (e che inconsapevolmente commettono errori fiscali gravi);

- servizi di acquisizione di visa estere (permessi di residenza di lungo periodo esteri), per trasferirti in maniera fiscalmente ottimale o da acquisire come piano B (per ampliare le tue possibilità qualsiasi cosa accada);

- servizi di acquisizione di nuovi passaporti.

Contattaci compilando il modulo nella pagina principale:

https://www.studiotributariodlp.it

Letto 263 volte
DLP