Modulo contatti o via whatsapp (sms) 3791893087 
Sabato, 09 Febbraio 2019 18:44

Provvedimento di assegnazione del credito pignorato presso terzi: l’imposta di registro è in misura fissa. Annullato l’avviso di rettifica e liquidazione.

Scritto da
Vota l'articolo!
(5 voti)

Massima: “Qualora non vi siano state contestazioni in ordine al credito e qualora il tribunale, in sede di esecuzione, non abbia espresso alcun giudizio di condanna, il provvedimento di assegnazione del credito pignorato presso terzi, in quanto finalizzato alla mera attuazione di un titolo esecutivo, deve essere assoggettato ad imposta di registro in misura fissa”.

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it 

***

Per richiedere una consulenza a seguito del ricevimento di un questionario, invito al contraddittorio, invito a comparire o avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate, compila il modulo contatti che trovi nella pagina principale del nostro sito http://www.studiotributariodlp.it o nella pagina contatti.

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza (su Roma e tutti i principali fori d'Italia), con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Alcuni successi professionali di DLP Studio Tributario dell’ultimo biennio:

Sentenza n. 875/2017 della CTR della Lombardia, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 15.119,37 euroin esito al processo il nostro cliente doveva pagare 0 (zero).

Sentenza n. 490/2017 della CTR della Lombardia, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 12.846,00 euro; in esito al processo il nostro cliente doveva pagare 0 (zero).

Sentenza n. 855/2017 della CTR della Lombardia, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 605.009,00 euroin esito al processo il nostro cliente doveva pagare 0 (zero).

Sentenza n. 943/2017 della CTR della Lombardia, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 922.077,96 euro; in esito al processo il nostro cliente doveva pagare 0 (zero).

Sentenza n. 230/2017 della CTP di Vicenza, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 1.068.789,70 euro; in esito al processo il nostro cliente doveva pagare 0 (zero).

Sentenza n. 2452/2017 della CTR della Lombardia, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 397.925,54 euro; in esito al processo il nostro cliente doveva pagare 0 (zero).

Sentenza n. 3487/2017 della CTR della Lombardia, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 922.077,96 euro; in esito al processo il nostro cliente doveva pagare 0 (zero).

Sentenza n. 204/2017 della CTP di Pavia, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 1.647.081,62 euro; in esito al processo il nostro cliente doveva pagare circa 50.000,00 Euro.

Sentenza n. 750/2017 della CTR della Lombardia, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 39.844,99 euro; in esito al processo il nostro cliente doveva pagare 0 (zero).

Sentenza n. 2094/2017 della CTR della Lombardia - Sez. dist. Brescia; l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 36.462,88 euro; in esito al processo il nostro cliente doveva pagare 0 (zero).

Sentenza n. 6201/2017 della CTP di Milano, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 14.975,25 euro; in esito al processo il nostro cliente doveva pagare 0 (zero).

Sentenza n. 7082/2017 della CTP di Milano, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 34.000,27 euro; in esito al processo il nostro cliente doveva pagare 0 (zero).

Sentenza n. 256/2018 della CTR della Lombardia, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 282.589,47 euro; in esito al processo il nostro cliente doveva pagare circa 58.000,00 euro.

Sentenza n. 3002/2018 della CTP di Milano, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 68.997,11 euro; in esito al processo il nostro cliente doveva pagare 0 (zero).

Sentenza n. 4565/2018 della CTR della Lombardia, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 1.044.994,94 euro; in esito al processo il nostro cliente doveva pagare 0 (zero).

Sentenza n. 41/2018 della CTP di Pavia, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 674.185,47 euro; in esito al processo il nostro cliente doveva pagare 0 (zero).

Annullamento spontaneo dell’Agenzia delle Entrate del 04.09.2018, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 15.001.06, in esito all’atto depositato il nostro cliente doveva pagare 0 (zero).

Annullamento spontaneo dell’Agenzia delle Entrate del 27.09.2018, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 13.187,54; in esito all’atto depositato il nostro cliente doveva pagare 0 (zero).

Annullamento spontaneo dell’Agenzia delle Entrate del 23.01.2019, l’Agenzia delle Entrate chiedeva al nostro cliente 14.632,05; in esito all’atto depositato il nostro cliente doveva pagare 0 (zero).

***

Sentenze in cui l'Agenzia delle Entrate è stata condannata a pagare al nostro cliente un risarcimento / rimborso.

Tribunale ordinario di Milano, sez. I Civile sentenza n. 2515/2017: condanna dell'Ade a pagare a favore del nostro cliente 1.071.107,08 euro a titolo di risarcimento danni ex art. 2043 c.c.

Sentenza n. 3723/2017 della CTR della Lombardia: condanna dell'Agenzia a pagare a favore del nostro cliente 236.515,94 euro.

Sentenza n. 415/2017 della CTR della Lombardia condanna dell'Agenzia a pagare a favore del nostro cliente 17.013,89 euro.

 

***

Comm. Trib. Reg. per la Lombardia Sezione/Collegio 1

Sentenza del 22/01/2019 n. 300 -

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

L'istituto di credito B. S.p.A. propone appello avverso la sentenza della CTP di Milano n. 1600/17/2018 che ha respinto il ricorso proposto avverso avviso di rettifica e liquidazione di imposta ed irrogazione sanzioni n. 2016/XXXXXXXXXXX/002, emesso dalla Direzione Provinciale I di Milano e notificato in data 27/9/2017, avuto riguardo all'ordinanza di assegnazione somma al creditore procedente, emessa dal Tribunale di Milano nella procedura esecutiva di pignoramento presso terzi n. 4472/16.

Con il provvedimento impugnato dal B. spa veniva intimato il pagamento di imposta registro proporzionale 0,5% pari ad euro 45.658,50.

Eccepiva il ricorrente la nullità dell'avviso impugnato per carenza di motivazione, con riguardo agli interessi applicati dall'Ufficio non specificati, comunque l'illegittimità dell'applicazione dell'imposta proporzionale dell'art 6 della Tariffa Prima allegata al DPR 131/86 per violazione del principio di alternatività tra IVA ed imposta di registro applicabile alle operazioni di finanziamento bancario, osservando come in ogni caso i provvedimenti emessi a fronte di pagamento di crediti derivanti da operazioni di finanziamento debbano essere registrati a tassa fissa per il combinato disposto dell'art. 40 DPR 131/86 e della nota II dell'art 8 della parte prima della tariffa allegata al citato DPR. Costituitosi l'Ufficio controdeduceva insistendo per la correttezza del proprio operato.

Il primo collegio respingeva il ricorso escludendo da un lato la carenza di motivazione dell'avviso, a fronte della partecipazione al giudizio di esecuzione della contribuente e della conseguente conoscenza del calcolo degli interessi, e dall'altro ritenendo corretta l'applicazione dell'imposta principale di registro per gli atti giudiziari ex art 37 e 41 del DPR 131/86, compensando le spese di lite.

Avverso tale sentenza propone gravame l'istituto di credito lamentando la contraddittorietà della motivazione della sentenza ove il primo collegio da una parte qualifica l'atto tassato "meramente esecutivo" e dall'altro conferma la legittimità dell'applicazione della tassa nella misura dello 0,5 %; insiste per l'annullamento dell'avviso per carenza di motivazione in particolare con riguardo alla applicazione degli interessi, ed infine osserva come sia palese la violazione del principio di alternatività IVA / Registro per le ragioni già espresse nel precedente grado, ampiamente sviluppate, anche con memoria illustrativa in questa fase di giudizio.

Resiste l'Ufficio insistendo per il rigetto del gravame, per la legittimità del proprio operato e la conferma della sentenza impugnata.

Precisa l'Agenzia delle Entrate che l'ordinanza di assegnazione costituisce provvedimento recante trasferimento o costituzione di diritti reali ai sensi dell'art 8 lett. A Tariffa Parte Prima del TUR, e trattandosi di imposta d'atto, in presenza di un provvedimento dell'autorità giudiziaria, la tassazione operata deve ritenersi corretta.

La Commissione Tributaria Regionale

OSSERVA

L'appello è fondato.

I riferimenti normativi in tema di registrazione di atti giudiziari sono:

l'Articolo 37 del decreto del Presidente della Repubblica n. 131 del 1986;

l'Articolo 8, Tariffa parte I, del decreto del Presidente della Repubblica n. 131 del 1986;

l'Articolo 37 del decreto del Presidente della Repubblica n. 131 del 1986 "Atti dell'autorità giudiziaria":

"Gli atti dell'autorità giudiziaria in materia di controversie civili che definiscono anche parzialmente il giudizio, i decreti ingiuntivi esecutivi ed i provvedimenti che dichiarano esecutivi i lodi arbitrali e le sentenze che dichiarano efficaci nello Stato sentenze straniere, sono soggetti all'imposta anche se al momento della registrazione siano stati impugnati o siano ancora impugnabili, salvo conguaglio o rimborso in base a successiva sentenza passata in giudicato; alla sentenza passata in giudicato sono equiparati l'atto di conciliazione giudiziale e l'atto di transazione stragiudiziale in cui è parte l'amministrazione dello Stato".

In tema di assegnazione dei crediti pignorati presso terzi, questo collegio, diversamente dalla tesi sostenuta dall'Ufficio secondo la quale i provvedimenti di assegnazione del credito avendo effetti traslativi della titolarità del credito devono essere assoggettati ad imposta di registro in misura proporzionale dello 0,50% prevista per gli atti di cessione di crediti dall'articolo 6, Tariffa Parte I, allegata al DPR 131/86, ritiene che i citati provvedimenti debbano essere assoggettati ad imposta di registro in misura fissa in adesione al principio di legittimità ha statuito dalla sentenza n. 9400/2007 della Corte di Cassazione.

La Corte, anche se da un lato ha escluso la valenza solo processuale del provvedimento che secondo la dottrina non dovrebbe neppure essere soggetta a tassazione, ha statuito che l'ordinanza di assegnazione di beni ai creditori esecutanti è soggetta a imposta di registro in misura fissa e non a tassazione proporzionale, perché non definisce un giudizio, e quindi non rientra in alcuna delle ipotesi disciplinate dall'articolo 8 della Tariffa citata, allorché il giudice dell'esecuzione non abbia risolto contestazioni tra i creditori, ma si sia limitato a compiere una mera verifica del consenso sul piano di riparto.

Posto che nel caso di specie non risultano esservi state contestazioni in ordine al credito, e che nessun giudizio di condanna è stato espresso dal Tribunale in sede di esecuzione, il provvedimento di assegnazione del credito pignorato presso terzi, in quanto finalizzato alla mera attuazione di un titolo esecutivo, deve essere assoggettato ad imposta di registro in misura fissa ed in riforma della sentenza impugnata ed in accoglimento del gravame, l'avviso impugnato deve essere annullato, ritenute assorbite tutte le altre eccezioni formulate.

Alla soccombenza consegue la condanna dell'Ufficio al pagamento delle spese processuali in favore dell'appellante che si liquidano nella misura di euro 2.000,00 per il primo grado ed in euro 3.000,00 per l'appello oltre oneri di legge, spese generali ed anticipazioni.

PQM

La Commissione accoglie l'appello ed annulla l'avviso di liquidazione.

Condanna l'Ufficio al pagamento delle spese di giudizio nella misura di euro 2.000,00 per il primo grado, ed in euro 3.000,00 per l'appello, oltre oneri di legge, spese generali ed anticipazioni.

Milano, 14 gennaio 2018

***

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it 

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza (su Roma e tutti i principali fori d'Italia), con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Inoltre, anche grazie alle innovazioni del processo tributario telematico DLP Studio Tributario - e gli avvocati Francesco L. De Luca e Federico Pau - rappresentano ed assistono in giudizio contribuenti ed aziende in tutti i fori processuali d’Italia, attraverso la proposizione di ricorsi tributari nonché appelli e ricorsi per cassazione avverso sentenze sfavorevoli. 

Abbiamo maturato una significativa expertise, tra l’altro, con particolare riguardo a contenziosi riguardanti: 

- Difesa dei contribuenti cui viene contestato l'utilizzo di fatture per operazioni oggettivamente o soggettivamente inesistenti (anche nell’ambito di asserite “frodi carosello”), nonché difesa in caso di presunzione di distribuzione di utili extracontabili ai soci;

- Difesa in caso di contestazioni avanzate nei confronti di imprese operanti digitalmente.

Letto 809 volte Last modified on Martedì, 26 Febbraio 2019 14:38
DLP

Latest from DLP

Related items