Modulo contatti o via whatsapp (sms) 3791893087 

L’Agenzia non può invocare la mancata produzione, da parte del contribuente, di documenti che erano già in suo possesso. Confermata la nullità di tutti gli avvisi emessi a carico di s.a.s. e soci.

Scritto da
Vota l'articolo!
(3 voti)

Estratto: “il motivo è infondato in quanto la richiesta degli atti ai contribuenti da parte dell'amministrazione finanziari risulta generica e non tale da consentire di individuare la documentazione necessaria a soddisfare l'esigenza di accertamento da parte dell'ufficio e, d'altra parte, la sentenza impugnata fa espresso riferimento alla documentazione relativa alla compravendita di capannone e cioè ad atto pubblico come tale in possesso dell'amministrazione stessa e di cui non è quindi necessaria la richiesta, per cui la deduzione ricorrente relativa alla mancata esibizione di documenti risulta generica e infondata”.

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it 

***

Per richiedere una consulenza a seguito del ricevimento di un questionario, invito al contraddittorio, invito a comparire o avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate, compila il modulo contatti che trovi nella pagina principale del nostro sito http://www.studiotributariodlp.it o nella pagina contatti.

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza (su Roma e tutti i principali fori d'Italia), con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Per esaminare alcuni dei risultati (e delle sentenze) ottenuti per i nostri clienti nell’ultimo biennio clicca qui

***

Corte di Cassazione, Sez. 5

Ordinanza n. 5947 del 28 febbraio 2019

Rilevato che

con sentenza 145/23/12 la Commissione Tributaria Regionale della Campania ha confermato la sentenza n. 724/10/2010 emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di Caserta con la quale sono stati accolti i ricorsi riuniti proposti dalla società N. sas, da F., socio accomandatario, e da C., socia accomandante, avverso gli avvisi di accertamento n. XXX riguardante maggiori imposte IRES, IRAP, e IVA relativi alla società N. s.a.s., n. XXX riguardante le maggiori imposte IRPEF e addizionali quale reddito di partecipazione al 50% di F., e il n. XXX riguardante le maggiori imposte IRPEF, addizionali e IVA quale reddito di partecipazione al 50% di C., tutti per il periodo d'imposta 2005; che la Commissione Tributaria Regionale ha considerato che l'Agenzia delle Entrate non poteva invocare l'art.25 della legge 18 febbraio 1999 n. 28 secondo cui "le notizie ed i dati non addotti e gli atti, i documenti, i libri ed i registri non esibiti o non trasmessi in risposta agli inviti dell'ufficio non possono essere presi in considerazione a favore del contribuente, ai fini dell'accertamento in sede amministrativa e contenziosa" in quanto, ai sensi dell'art. 6 della legge n. 212 del 2000 al contribuente non possono essere richiesti gli atti ed i documenti già in possesso dell'amministrazione finanziaria che devono essere acquisiti ai sensi dell'art. 18, commi 2 e 3, della legge n. 241 del 1991 e, nel caso in questione, la documentazione richiesta si riferiva all'atto pubblico di acquisto di un capannone acquistato per la somma di € 585.000,00 ed alienato nel 2005 per la somma di € 400.000,00; che l'Agenzia delle Entrate ha proposto ricorso per cassazione avverso tale sentenza affidato ad un unico motivo;

che C. e F., in proprio e quale legale rappresentante della cessata N. s.a.s., hanno resistito con controricorso, considerato che con l'unico motivo di ricorso si lamenta violazione e falsa applicazione dell'art. 32, commi 4 e 5 del d.P.R. 600 del 1973, e dell'art. 54 d.P.R. 633 del 1972 come modificati dalla legge 18 febbraio 1999 n. 28, e dell'art. 2697 cod. civ., in relazione all'art. 360 comma 1 n. 3 cod. proc. civ., con riferimento all'utilizzo di documenti non esibiti dai contribuenti a fronte di specifica richiesta da parte dell'Ufficio; che il motivo è infondato in quanto la richiesta degli atti ai contribuenti da parte dell'amministrazione finanziari risulta generica e non tale da consentire di individuare la documentazione necessaria a soddisfare l'esigenza di accertamento da parte dell'ufficio e, d'altra parte, la sentenza impugnata fa espresso riferimento alla documentazione relativa alla compravendita di capannone e cioè ad atto pubblico come tale in possesso dell'amministrazione stessa e di cui non è quindi necessaria la richiesta, per cui la deduzione ricorrente relativa alla mancata esibizione di documenti risulta generica e infondata; che le spese di giudizio, liquidate in dispositivo seguono la soccombenza. Che risulta soccombente una parte ammessa alla prenotazione a debito del contributo unificato per essere amministrazione pubblica difesa dall'Avvocatura Generale dello Stato, non si applica l'art. 13 comma 1 quater d.P.R. 30 maggio 2002, n. 515 (nel caso di prenotazione a debito il contributo non è versato ma prenotato al fine di consentire, in caso di condanna della controparte alla rifusione delle spese in favore del ricorrente, il recupero dello stesso in danno della parte ricorrente);

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso; Condanna la ricorrente al pagamento delle spese di giudizio liquidate in complessivi C 7.000,00 oltre spese forfettarie nella misura del 15% e accessori di legge. Roma, 13 febbraio 2019

***

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it 

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza (su Roma e tutti i principali fori d'Italia), con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Inoltre, anche grazie alle innovazioni del processo tributario telematico DLP Studio Tributario - e gli avvocati Francesco L. De Luca e Federico Pau - rappresentano ed assistono in giudizio contribuenti ed aziende in tutti i fori processuali d’Italia, attraverso la proposizione di ricorsi tributari nonché appelli e ricorsi per cassazione avverso sentenze sfavorevoli.

Letto 152 volte Last modified on Venerdì, 07 Giugno 2019 16:25
DLP