Mercoledì, 27 Dicembre 2017 12:00

Redditometro: annullamento dell'avviso se vi erano preesistenti disponibilità

Scritto da
Vota l'articolo!
(0 voti)

All'interno delle pronunce giurisprudenziali oggi commentate si riconosce che, ai fini dell'annullamento di un accertamento redditometrico, è sufficiente che il contribuente provi la precedente sussistenza di disponibilità rispetto al periodo d'imposta mentre non è necessario che lo stesso dimostri l'utilizzo esattamente di tali disponibilità per sostenere le spese alla base dell'accertamento redditometrico.

Torna alla Pagina Principale:

http://www.studiotributariodlp.it

 

Per richiedere una consulenza a seguito del ricevimento di un questionario, invito al contraddittorio, invito a comparire o avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate, compila il modulo contatti che trovi nella pagina principale del nostro sito http://www.studiotributariodlp.it o nella pagina contatti.

***

IL CASO

L'Erario procede ad accertamento redditometrico nei confronti di un contribuente in ragione delle spese sostenute nel periodo d'imposta. Questi oppone la sussistenza di preesistenti disponibilità (a titolo esemplificativo, derivanti da cessioni di beni ovvero pregressi risparmi), di cui fornisce la prova (nell'esempio, il rogito notarile di compravendita ovvero l'estratto conto corrente all'inizio del periodo d'imposta). L'Agenzia nega che il contribuente sia riuscito ad offrire la prova contraria prevista dalla normativa vigente, chiedendo che sia offerta la prova dell'impiego proprio e specifico di tali disponibilità per sostenere le spese poste alla base dell'accertamento redditometrico.

Oggetto

IRPEF – REDDITOMETRO

 

Tesi erariale:

In presenza di maggiori disponibilità derivanti da compravendite o risparmi pregressi, il contribuente, per superare le presunzioni poste a base del redditometro, deve provare di aver impiegato proprio tali disponibilità per sostenere le spese alla base dell'accertamento.

 

Tesi garantista da noi sostenuta in giudizio:

Il contribuente può limitarsi a provare l'esistenza delle disponibilità e non deve provare il loro specifico impiego per sostenere le spese alla base dell'accertamento.

 

Sentenze favorevoli:

- Commissione Tributaria Provinciale di Varese n. 439 del 2016:

Annullamento integrale delle pretese dell'Ufficio;

- Commissione Tributaria Regionale di Milano n. 3788 del 2014:

Annullamento integrale delle pretese dell'Ufficio, con sentenza passata in giudicato.

***

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza (su Roma e tutti i principali fori d'Italia), con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti

Inoltre, grazie alle innovazioni del processo tributario telematico DLP Studio Tributario - e gli avvocati Francesco L. De Luca e Federico Pau - rappresentano ed assistono in giudizio contribuenti ed aziende in tutti i fori processuali d’Italia, attraverso la proposizione di ricorsi tributari nonché appelli e ricorsi per cassazione avverso sentenze sfavorevoli. 

Abbiamo maturato una significativa expertise specialmente all'interno di contenziosi riguardanti:

- Difesa dei contribuenti cui viene contestato l'utilizzo di fatture per operazioni oggettivamente o soggettivamente inesistenti;

- Difesa in caso di presunzione di distribuzione di utili extracontabili ai soci;

- Difesa dei precedenti soci di società ormai estinte ritenuti responsabili dei debiti fiscali;

- Difesa in caso di accertamenti induttivi;

- Difesa in caso di rideterminazione delle percentuali di ricarico.

Letto 275 volte Last modified on Giovedì, 13 Settembre 2018 15:04
DLP

Latest from DLP

Related items