Modulo contatti o via whatsapp (sms) 3791893087 
Venerdì, 01 Giugno 2018 15:01

CTR Lombardia. Avviamento: l'utilizzo del solo costo del personale non è sufficiente a dimostrare la capacità dell'azienda di produrre reddito. Annullato l’avviso dell’Agenzia delle Entrate.

Scritto da
Vota l'articolo!
(0 voti)

Massima:Ai fini della determinazione del valore dell'avviamento, l'utilizzo del solo costo del personale non è sufficiente a dimostrare la capacità dell'azienda a produrre reddito; né l'utilizzo di un moltiplicatore costituisce un valido correttivo in quanto, trattandosi di un criterio meccanico, non tiene in considerazione le concrete caratteristiche dell'azienda”.

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it

***

Comm. Trib. Reg. per la Lombardia Sezione/Collegio 24

Sentenza del 17/05/2018 n. 2245 -

Testo

IN FATTO E IN DIRITTO

Con sentenza n. 7880/16 la Commissione Tributaria Provinciale di Milano ha accolto il ricorso proposto da S. srl per l'annullamento dell'avviso di rettifica e liquidazione n. 2013XXXXXXX000, con il quale l'agenzia delle Entrate di Milano, ai fini dell'applicazione dell'imposta di registro, aveva rideterminato il valore di avviamento dell'azienda ceduta in € 706.211, rispetto a quello dichiarato pari ad € 112.000.

La ricorrente aveva dedotto che la sua dante causa, F. srl, aveva acquistato dalla R. srl in fallimento, operante nel settore dell'editoria, il ramo di azienda per euro 320.000 e, in data 30.4.2013, la contribuente aveva acqui stato da F. srl per analogo valore.

Secondo la ricorrente la rideterminazione del valore di avviamento da parte dell'ufficio, che aveva utilizzato quale parametro il capitale umano riferito all'azienda in precedenza acquistata, era stata arbitraria.

Il giudice di prime cure in accoglimento del ricorso, aveva rilevato che l'erario non aveva preso in esame altre componenti d'impresa, diverse da quello del capitale umano, e non aveva considerato le controdeduzioni alle contestazioni formulate dalla contribuente. Inoltre, non era stata valutata la derivazione fallimentare dell'azienda, che aveva operato utilizzandole medesime maestranze poste a base dell'accertamento dell'Erario.

Ritenendo, quindi, assenti puntuali riscontri da parte dell'amministrazione per configurare un valore dell'avviamento notevolmente superiore (€ 706.211,00) rispetto a quello dichiarato dal contribuente (€ 112.000,00), il giudice di primo grado aveva annullato l'accertamento.

Avverso la sentenza ha interposto appello l'agenzia delle entrate deducendo l'erroneità della decisione e insistendo sulla congruità della propria rideterminazione del valore dell'avviamento, operata per mezzo del metodo di sostituzione, ovvero del costo che l'acquirente avrebbe dovuto sopportare qualora avesse dovuto sostituire tutti i suoi dipendenti a parità di condizioni.

La determinazione era stata effettuata applicando un moltiplicatore medio basso, che andava da 1 a 1,5, alla remunerazione lorda dei 19 dipendenti dell'azienda ceduta.

In riferimento alla derivazione fallimentare dell'azienda ceduta l'appellante ha rappresentato che, per costante giurisprudenza, l'avviamento non è necessariamente collegato all'esistenza di utili e, pertanto, il fallimento poteva non aver inciso sulla determinazione di esso.

Si è costituita S. srl deducendo che la rettifica nei propri confronti era stata operata facendo mero rinvio alla rettifica del valore aziendale nei confronti della propria dante causa F. srl così che era impossibile conoscere e, quindi, valutare la correttezza della modalità di calcolo dell'avviamento utilizzata dall'ufficio.

In ogni caso, l'appellata ha lamentato il difetto di motivazione e la conseguente nullità dell'atto impugnato poiché ad esso non era stato allegato l'avviso di rettifica a cui faceva rinvio.

L'appello è infondato: il metodo utilizzato dall'agenzia delle entrate valuta l'avviamento in funzione del costo del personale tuttavia, essendo l'avviamento l'attitudine dell'impresa a produrre reddito, manca la proiezione di un flusso di reddito (ricavi meno costi) che dimostri, in concreto, l'effettiva redditività del fattore umano.

La valutazione del fattore umano o di ogni altro fattore della produzione basata sui soli costi, infatti, non costituisce una misura di valore economico, dovendosi a tale fine sempre dimostrare che tali fattori della produzione sono in grado di generare utilità coerenti ai relativi costi.

Il mero apprezzamento del costo del personale, dunque, non è idoneo a dimostrare l'attitudine dell'azienda a produrre reddito, né costituisce un valido correttivo l'applicazione di un moltiplicatore, in quanto criterio meccanico, privo di capacità di verifica concreta della prospettiva reddituale.

Va, pertanto, condivisa la decisione di primo grado che ha ritenuto che l'ufficio non abbia adeguatamente dimostrato la correttezza della propria valutazione.

La spese di lite seguono la soccombenza e sono liquidate in dispositivo.

PQM

Rigetta l'appello e condanna l'Agenzia al pagamento delle spese, che liquida in euro 1.000 oltre accessori di legge

Così deciso in Milano il 17 aprile 2018.

***

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza (su Roma e tutti i principali fori d'Italia), con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti

Inoltre, grazie alle innovazioni del processo tributario telematico DLP Studio Tributario - e gli avvocati Francesco L. De Luca e Federico Pau - rappresentano ed assistono in giudizio contribuenti ed aziende in tutti i fori processuali d’Italia, attraverso la proposizione di ricorsi tributari nonché appelli e ricorsi per cassazione avverso sentenze sfavorevoli. 

Abbiamo maturato una significativa expertise specialmente all'interno di contenziosi riguardanti:

- Difesa dei contribuenti cui viene contestato l'utilizzo di fatture per operazioni oggettivamente o soggettivamente inesistenti;

- Difesa in caso di presunzione di distribuzione di utili extracontabili ai soci;

- Difesa dei precedenti soci di società ormai estinte ritenuti responsabili dei debiti fiscali;

- Difesa in caso di accertamenti induttivi;

- Difesa in caso di rideterminazione delle percentuali di ricarico.

Letto 284 volte Last modified on Giovedì, 13 Settembre 2018 14:58
DLP

Latest from DLP

Related items