Modulo contatti o via whatsapp (sms) 3791893087 
Venerdì, 07 Aprile 2017 13:44

NULLITA’ DEL REDDITOMETRO SENZA CONTRADDITTORIO

Scritto da
Vota l'articolo!
(0 voti)

Massima:

L’accertamento sintetico da “redditometro”, essendo fondato su presunzioni semplici, ancorché gravi, precise e concordanti, fornisce solamente una prima stima del reddito attribuibile alle persone fisiche sulla base delle informazioni inerenti la disponibilità di beni e servizi che, di per sé, non possono che dare luogo a una misura astrattamente indicativa della capacità contributiva e, come tale, il suo risultato deve necessariamente essere corretto nel corso del contraddittorio al fine di contestualizzarlo, senza il quale l’accertamento sintetico non può che ritenersi nullo (nel caso di specie, un contribuente persona fisica riceveva quattro avvisi di accertamento ai fini IRPEF e addizionali per gli anni di imposta 2005-2006-2007-2008, conseguenti a “redditometro” definito dall’Ufficio per incrementi patrimoniali intervenuti nel 2009.

Il ricorrente presentava ricorsi in Ctp, lamentando la nullità degli avvisi impugnati, tra l’altro, per assenza di contraddittorio preventivo e legittimità delle somme contestate poiché rivenienti da documentate disponibilità patrimoniali del marito. La Ctp respingeva i ricorsi e conseguentemente il ricorrente presentava appello in Ctr che, differentemente, accoglieva le doglianze dell’appellante. In particolare, la commissione adita annullava gli avvisi in quanto l’Ufficio non aveva dato corso ad un contraddittorio preventivo che avrebbe consentito di contestualizzare la situazione reale e specifica del contribuente, aggiustando i risultati dello strumento di accertamento standardizzato che non può che fornire una prima stima del reddito del contribuente che rappresenta un’astratta indicazione della capacità contributiva. Inoltre, il ricorrente ben documenta il fatto che la propria capacità di spese derivava da disponibilità finanziaria del coniuge convivente). (F.B.)

Commissione tributaria regionale per la Lombardia, Sez. 44, sentenza n. 1289/2015 del 30 marzo 2015

***

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it/index.php

 

Per richiedere una consulenza a seguito del ricevimento di un questionario, invito al contraddittorio, invito a comparire o avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate, compila il modulo contatti che trovi nella pagina principale del nostro sito http://www.studiotributariodlp.it o nella pagina contatti.

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza (su Roma e tutti i principali fori d'Italia), con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti

Inoltre, grazie alle innovazioni del processo tributario telematico DLP Studio Tributario - e gli avvocati Francesco L. De Luca e Federico Pau - rappresentano ed assistono in giudizio contribuenti ed aziende in tutti i fori processuali d’Italia, attraverso la proposizione di ricorsi tributari nonché appelli e ricorsi per cassazione avverso sentenze sfavorevoli. 

Abbiamo maturato una significativa expertise specialmente all'interno di contenziosi riguardanti:

- Difesa dei contribuenti cui viene contestato l'utilizzo di fatture per operazioni oggettivamente o soggettivamente inesistenti;

- Difesa in caso di presunzione di distribuzione di utili extracontabili ai soci;

- Difesa dei precedenti soci di società ormai estinte ritenuti responsabili dei debiti fiscali;

- Difesa in caso di accertamenti induttivi;

- Difesa in caso di rideterminazione delle percentuali di ricarico.

Letto 314 volte Last modified on Giovedì, 13 Settembre 2018 15:13
DLP

Latest from DLP

Related items