Stampa questa pagina

Verifica fiscale dell’Agenzia delle Entrate a carico di chi opera digitalmente. Apple, Google, Amazon, Facebook, Booking. Chi saranno i prossimi? Featured

Scritto da Avv. Federico Pau
Vota l'articolo!
(3 voti)

L’Agenzia delle entrate sembra continuare ad estendere le attività di verifica sempre più verso le attività operanti digitalmente, come dimostrano le verifiche fiscali dell’Agenzia delle Entrate nei confronti di Apple, Google, Amazon, Facebook, ed alcuni mesi fa, Booking.

L’ultimo colosso nel mirino dell’Agenzia delle Entrate, il sito di prenotazione “Booking”, sulla base delle indiscrezioni di stampa, sembrerebbe essere accusato di evasione dell’imposta sul valore aggiunto (IVA).

Secondo la tesi di parte erariale, le transazioni concluse tramite Booking da chi propone una casa per le vacanze ma non ha una partita IVA dovrebbero rientrare nella sfera di applicazione dell’imposta sul valore aggiunto. In definitiva, secondo la tesi che (dalle notizie di stampa) sembrerebbe esser stata abbracciata dall’Agenzia delle Entrate, l’”agenzia di viaggi” dovrebbe pagare tutta l’IVA su tutte le precedenti commissioni relative alla mediazione ottenute dalla partner italiano.

In precedenti occasioni, altri colossi hanno accettato le richieste dell’Agenzia delle Entrate, da ultimo confermando di voler pagare:

- quanto ad Apple, 318 milioni di euro.

- quanto a Google, 306 milioni di euro;

- quanto ad Amazon, 100 Milioni di euro;

- quanto a Facebook, 106 milioni di euro.

Onestamente, non so se anche booking sceglierà di accettare le richieste di pagamento o di non accettarle, presentando ricorso.

D’altronde, mi verrebbe da osservare, non vi è forse un precisa causa di non applicabilità delle sanzioni quando vi sia “incertezza” sulla portata e sull’ambito applicativo delle disposizioni di legge? non sono forse questi dei modi di far impresa del tutto nuovi e vi erano pertanto dubbi su quale normativa era applicabile? Non è forse ingiusto demandare il pagamento anche delle sanzioni (se non pure delle imposte) ad un soggetto che quando svolgeva quelle operazioni non poteva sapere, trattandosi di un business innovativo, prima inesistente, che da quelle operazioni scaturivano questi ingenti debiti di imposta?

Vedremo cosa succederà.

Torna alla Pagina Principale: https://www.studiotributariodlp.it  

Per rimanere aggiornato iscriviti al nostro canale Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCwYYt0S4B1mOlNSbg7P584w?sub_confirmation=1

***

Per richiedere una consulenza a seguito del ricevimento di un questionario, invito al contraddittorio, invito a comparire o avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate, compila il modulo contatti che trovi nella pagina principale del nostro sito https://www.studiotributariodlp.it o nella pagina contatti.

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza (su Roma e tutti i principali fori d'Italia), con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: https://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Per esaminare alcuni dei risultati (e delle sentenze) ottenuti per i nostri clienti nell’ultimo biennio clicca qui

Letto 1370 volte

Related items