Scrivici per investire in una consulenza o videocorso compilando il Modulo contatti (CLICCA QUI)

 

Email Segretaria@networkdlp.it

 

 

Concordato Preventivo

Scritto da
Vota l'articolo!
(0 voti)

 

Concordato Preventivo

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera a un decreto riformativo di ampio respiro che introduce una misura innovativa nel panorama fiscale: il concordato preventivo per le partite IVA e le aziende. Questo strumento si colloca all'interno di una riforma fiscale più estesa che mira a combattere l'evasione fiscale, a migliorare la comunicazione tra contribuenti e l'ente fiscale e a integrare più efficacemente le banche dati statali, utilizzando anche l'intelligenza artificiale per individuare con maggiore rapidità i soggetti evasori.

 

Cos'è il Concordato Preventivo?

A partire dal 2024, il concordato preventivo biennale permetterà a lavoratori autonomi e PMI di accordarsi con l'ente fiscale sulle tasse da versare, evitando controlli fiscali per la durata dell'accordo. Questo patto potrà essere rinnovato per altri due anni. Si prevede che le domande per aderire al concordato possano essere presentate a partire da luglio dell'anno successivo.

 

Chi è Escluso dal Concordato Preventivo?

Il concordato è indirizzato ai contribuenti con partita IVA che esercitano attività d'impresa, arti o professioni, sia per coloro che versano imposte in regime forfettario sia per quelli che applicano gli indici sintetici di affidabilità fiscale. Le grandi imprese sono escluse e avranno un regime facilitato diverso, denominato 'cooperative compliance'.

Per garantire un'applicazione trasparente del concordato, sono stati stabiliti dei criteri di esclusione: i contribuenti non devono avere debiti fiscali o devono aver estinto quelli superiori a 5.000 euro. Inoltre, è richiesto un punteggio di affidabilità fiscale alto per poter aderire.

Contattaci oggi per trovare una soluzione per regolarizzare i tuoi debiti fiscali e sfruttare questa possibilità dal 2024.

 

Implementazione e Adesione al Concordato

Il decreto che regola il concordato preventivo è attualmente in discussione e passerà al vaglio delle Camere per l'approvazione definitiva e l'entrata in vigore nel prossimo anno. L'Agenzia delle Entrate dovrà rendere disponibile il modulo per la richiesta di adesione al concordato entro aprile 2024, con scadenza per la presentazione delle domande fissata a luglio 2024.

 

Altre Innovazioni della Riforma Fiscale

Il concordato preventivo non è l'unica novità introdotta dalla riforma. Il governo intende semplificare e rendere più "amichevole" il rapporto tra l'Agenzia delle Entrate e i contribuenti, privilegiando la "prevenzione" rispetto alla "repressione". In caso di accertamenti fiscali, sarà obbligatorio un dialogo con l'Agenzia delle Entrate, e se il contribuente collabora, le sanzioni saranno ridotte della metà.

La riforma prevede anche misure per intensificare la lotta all'evasione fiscale, come controlli fiscali più rapidi a livello europeo e l'uso di tecnologie innovative, inclusa l'intelligenza artificiale, per segnalare i contribuenti a rischio di evasione.

 

Conclusione

 

Il concordato preventivo è in fase di approvazione e rappresenta un accordo tra l'ente fiscale e i lavoratori autonomi o le PMI per stabilire le tasse da versare nel biennio successivo, senza subire controlli fiscali. Questa misura, insieme ad altre iniziative, mira a semplificare i rapporti tra contribuenti e fisco, a velocizzare i controlli e a sfruttare l'intelligenza artificiale.

***

ALCUNI DEI SERVIZI DEI PROFESSIONISTI

DEL NOSTRO NETWORK

DIPARTIMENTO TRIBUTARISTI

 Ti difendiamo da cartelle, avvisi di accertamento o verifiche fiscali, e combattiamo nel processo per farti ottenere l’annullamento o ti rappresentiamo per trovare un accordo con l'Agenzia delle Entrate e ridurre il debito

 Ti aiutiamo, grazie agli strumenti della pianificazione internazionale ed all’ottimizzazione fiscale internazionale: - a proteggere il tuo patrimonio, conti correnti, immobili, beni, e renderli "intoccabili", con trust, società estere od altri strumenti avanzati di protezione; - a ridurre o azzerare le tasse pianificando il trasferimento all'estero della tua impresa, attività e/o dei tuoi assets, aprendo società estere, o trasferendo la tua residenza fiscale all'estero, utilizzando tutti i paradisi fiscali a tuo vantaggio; - a creare un PIANO B, per tutelarti qualsiasi cosa accada in Europa, anche acquisendo molteplici permessi esteri di residenza permanente o di lungo periodo, o persino seconde cittadinanze;

 Avvocati tributaristi esperti in internazionalizzazione delle imprese.

 Ti aiutiamo a difenderti con successo in caso di accuse di esterovestizione o di falsa fatturazione.

Se non sei ancora pronto per una consulenza diretta con noi, ma vuoi ugualmente fare qualcosa per pagare molte meno tasse e contributi con l’ottimizzazione fiscale internazionale, puoi iniziare acquistando su Amazon il libro “I segreti dell’ottimizzazione fiscale internazionale” scritto dall’Avv. Federico Pau, cliccando sul seguente link https://www.amazon.it/dp/B0C2S9ZYNB disponibile sia in formato cartaceo che digitale.

Letto 294 volte
DLP