Scrivici per investire in una consulenza o videocorso compilando il Modulo contatti (CLICCA QUI)

 

Email Segretaria@networkdlp.it

 

 

Il contribuente conserva il diritto alla detrazione dell’eccedenza anche in assenza di dichiarazione annuale, se sono rispettati requisiti sostanziali. Contribuente ottiene la cassazione

Scritto da
Vota l'articolo!
(0 voti)

Estratto:La neutralità dell'imposizione armonizzata sul valore aggiunto comporta che, pur in mancanza di dichiarazione annuale, l'eccedenza d'imposta - risultante da dichiarazioni periodiche e regolari versamenti per un anno e dedotta entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione relativa al secondo anno successivo a quello in cui il diritto è sorto - sia riconosciuta dal giudice tributario se siano stati rispettati dal contribuente tutti i requisiti sostanziali per la detrazione(...)”.

***

Prima di esaminare nel concreto il testo del contributo, se è la tua prima volta qui, ecco

ALCUNI DEI SERVIZI DEI PROFESSIONISTI

DEL NOSTRO NETWORK

DIPARTIMENTO TRIBUTARISTI

Ti difendiamo da cartelle, avvisi di accertamento o verifiche fiscali, e combattiamo nel processo per farti ottenere l’annullamento o ti rappresentiamo per trovare un accordo con l'Agenzia delle Entrate e ridurre il debito;

Ti aiutiamo, grazie agli strumenti della pianificazione internazionale: - a proteggere il tuo patrimonio, conti correnti, immobili, beni, e renderli "intoccabili", con trust, società estere od altri strumenti avanzati di protezione; - a ridurre o azzerare le tasse pianificando il trasferimento all'estero della tua impresa, attività e/o dei tuoi assets, aprendo società estere, o trasferendo la tua residenza fiscale all'estero, utilizzando tutti i paradisi fiscali a tuo vantaggio; - a creare un PIANO B, per tutelarti qualsiasi cosa accada in Europa, anche acquisendo molteplici permessi esteri di residenza permanente o di lungo periodo, o persino seconde cittadinanze;

DIPARTIMENTO PENALISTI

Ti difendiamo e creiamo per te la strategia migliore per arrivare alla tua assoluzione totale.

DIPARTIMENTO CIVILISTI

Ti aiutiamo a far valere le tue ragioni, e puoi affidarci il compito di scrivere e diffidare o “denunciare” - in qualità di tuoi avvocati - chi non ti ha pagato o chi ti sta recando un danno od un disagio.

Se sei un professionista e vuoi unirti al network clicca qui.

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

Corte di Cassazione, Sez. 5

Ordinanza n. 33339 del 17 dicembre 2019

Rilevato che:

-con sentenza n. 1621/08/2014, depositata il 2 settembre 2014, la Commissione tributaria regionale della Toscana accoglieva l'appello proposto dall'Agenzia delle entrate nei confronti del C. avverso la sentenza n. 29/05/2012 della Commissione tributaria provinciale di Lucca che aveva accolto il ricorso proposto dal suddetto Consorzio avverso la cartella di pagamento n. XXXXX5000 con la quale, a seguito di controllo automatizzato, ex art. 54 bis del d.P.R. n. 633 del 1972, della dichiarazione Iva 2007, era stata iscritta a ruolo la somma complessiva di euro 82.876,46 a titolo di Iva, sanzioni e interessi, conseguente al disconoscimento del riportato credito d'imposta pari ad euro 55.682,00, per omessa dichiarazione Iva per l'anno 2006;

- la CTR- nel riformare in parte la sentenza di primo grado- in punto di diritto, per quanto di interesse, ha osservato che: 1) in tema di Iva, l'omessa presentazione della dichiarazione annuale escludeva per il contribuente la possibilità di recuperare il credito maturato nel relativo periodo di imposta attraverso il trasferimento della detrazione al periodo di imposta successivo, potendo, in tal caso, il contribuente esercitare solo il diritto al rimborso, ricorrendone i presupposti;

2) essendo incontestata, nella specie, la mancata presentazione della dichiarazione Iva per l'anno 2006, non poteva essere ammesso il riporto del credito nel successivo periodo di imposta; 3) ogni altra questione era assorbita; - avverso la sentenza della CTR, il Consorzio IP Viareggio propone ricorso per cassazione affidato a due motivi, cui resiste l'Agenzia delle entrate con controricorso;

- il Consorzio ha depositato memoria ex art. 380 bis. 1. c.p.c. insistendo per l'accoglimento del ricorso;

- il ricorso è stato fissato in camera di consiglio, ai sensi dell'art. 375, secondo comma, e dell'art. 380-bis.1 cod. proc. civ., introdotti dall'art. 1 -bis del d.l. 31 agosto 2016, n. 168, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 ottobre 2016, n. 197. Considerato che:

- con il primo motivo il ricorrente denuncia, in relazione all'art. 360, comma 1, n. 3 c.p.c., la violazione e falsa applicazione degli artt. 6, 10 della legge n. 212 del 2000, 5, comma 1, del d.lgs. n. 471 del 1997, 55 del d.P.R. n. 633 del 1972, per avere la CTR erroneamente ritenuto legittima la cartella di pagamento, anche se: 1) non gli era stata inviata alcuna previa comunicazione di irregolarità;2) era stato disconosciuto il credito Iva di euro 55.682,00 (di cui euro 53.827,00 sorto nel 2005) da omessa dichiarazione per l'anno 2006, in quanto considerato non riportabile nella dichiarazione Iva 2007, ancorché portato in detrazione nell'anno di imposta successivo a quello in cui lo stesso era maturato, in conformità agli artt. 19 e 30 del d.P.R. n. 633 del 1972;

- con il secondo motivo, la ricorrente denuncia, in relazione all'art. 360, comma 1, n. 5 c.p.c., l'omesso esame circa un fatto decisivo e controverso per il giudizio, per avere la CTR- in violazione degli artt. 132 c.p.c., 36 e 61 del d.lgs. n. 546 del 1992, 118 disp. att. c.p.critenuto legittima la cartella esattoriale, senza argomentare alcunché in ordine alla mancata previa comunicazione di irregolarità e alle ragioni per le quali fosse da disconoscere il credito di imposta da omessa dichiarazione 2006, riportato nella dichiarazione 2007;

- la seconda delle censure illustrate nel primo motivo è fondata, con conseguente assorbimento delle ulteriori ragioni di impugnazione, alla luce dell'orientamento espresso dalle sezioni unite di questa Corte nella sentenza 8 settembre 2016, n. 17757 secondo cui «La neutralità dell'imposizione armonizzata sul valore aggiunto comporta che, pur in mancanza di dichiarazione annuale, l'eccedenza d'imposta - risultante da dichiarazioni periodiche e regolari versamenti per un anno e dedotta entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione relativa al secondo anno successivo a quello in cui il diritto è sorto - sia riconosciuta dal giudice tributario se siano stati rispettati dal contribuente tutti i requisiti sostanziali per la detrazione; pertanto, in tal caso, il diritto di detrazione non può essere negato nel giudizio d'impugnazione della cartella emessa dal fisco a seguito di controllo formale automatizzato, laddove, pur non avendo il contribuente presentato la dichiarazione annuale per il periodo di maturazione, sia dimostrato in concreto - ovvero non controverso - che si tratti di acquisti fatti da un soggetto passivo d'imposta, assoggettati a IVA e finalizzati a operazioni imponibili» (v. anche nello stesso senso Cass.. sez. 5°, n. 4400 del 2018);

- il contribuente, pertanto, può portare in detrazione l'eccedenza d'imposta anche in assenza della dichiarazione annuale finale (e fino al secondo anno successivo a quello in cui è sorto il diritto) purché siano rispettati i requisiti sostanziali per poter fruire della detrazione.

La sussistenza di tali requisiti esclude difatti la rilevanza dell'assenza di quelli formali, ivi comprese le liquidazioni periodiche, purché sia rispettata, come nel caso in esame, la cornice biennale prevista dall'art. 19 del d.P.R. n. 633/72 per l'esercizio del diritto di detrazione (secondo le precisazioni espresse, in particolare, da Cass. 28 luglio 2015, n. 14767, confermate, tra varie, da Cass. 3 marzo 2017, n. 5401);

- il giudice a quo ha pertanto errato nel ritenere sic et simpliciter che l'omessa presentazione della dichiarazione relativa all'anno 2006, in cui il credito d'imposta avrebbe dovuto essere esposto, avesse comportato la decadenza dal diritto alla sua detrazione, mentre, essendo stato il diritto esercitato entro il termine biennale previsto dalla legge, avrebbe dovuto limitarsi a verificare se fosse in contestazione fra le parti il rispetto da parte del Consorzio dei requisiti sostanziali per operare la detrazione medesima, e, solo in tal caso, accertare se il contribuente avesse fornito la relativa prova; peraltro, quanto alla tempestività dell'esercizio del diritto di detrazione, costituiva circostanza pacifica (come si evince anche dalla sentenza impugnata) che il credito sorto nel 2006 da dichiarazione omessa fosse stato riportato nella dichiarazione Iva 2007, anno in cui era stato posto in compensazione;

- l'accoglimento della censura comporta la cassazione della sentenza impugnata ed il rinvio della causa, anche per le spese del giudizio di

legittimità, alla Commissione tributaria regionale della Toscana, in diversa composizione, affinché riesamini la vicenda alla luce dei principi sopra richiamati;

P.Q.M.

La Corte accoglie la seconda censura del primo motivo di ricorso, assorbite le altre;

cassa la sentenza impugnata in relazione alla censura accolta e rinvia, anche per le spese del giudizio di legittimità, alla Commissione tributaria regionale della Toscana, in diversa composizione.

Così deciso il 25 giugno 2019.

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

Letto 861 volte
DLP