Scrivici per investire in una consulenza o videocorso compilando il Modulo contatti (CLICCA QUI)

 

Email Segretaria@networkdlp.it

 

 

L'IMPOSTA REGIONALE SULLA BENZINA È ILLEGITTIMA. LO DICE LA COMMISSIONE EUROPEA. UN CASO.

Scritto da
Vota l'articolo!
(0 voti)

Estratto: “La tassa sulla benzina è sotto accusa dalla Commissione Europea che ha trasmesso la comunicazione della presunta illegittimità della tassa in un bollettino delle procedure di infrazioni in corso.

Nella nota contro l'imposta sul carburante è riportata la legge comunitaria di riferimento che dice chiaramente che" Gli Stati membri possono prelevare altre Imposte Indirette sui prodotti sottoposti ad accisa purchè siano rispettate due condizioni:

l) La tassa è utilizzata per fini specifici;

2) La tassa sia conforme "alla normativa dell'Unione Europea in materia di accise o di Imposta sul Valore Aggiunto.

In entrambi i casi la tassa sulla benzina risulta illegittima e la Commissione ritiene che, nel caso dell'IRBA questi due requisiti non sono soddisfatti”.

***

Prima di esaminare nel concreto il testo del contributo, se è la tua prima volta qui, ecco

ALCUNI DEI SERVIZI DEI PROFESSIONISTI

DEL NOSTRO NETWORK

DIPARTIMENTO TRIBUTARISTI

Ti difendiamo da cartelle, avvisi di accertamento o verifiche fiscali, e combattiamo nel processo per farti ottenere l’annullamento o ti rappresentiamo per trovare un accordo con l'Agenzia delle Entrate e ridurre il debito;

Ti aiutiamo, grazie agli strumenti della pianificazione internazionale: - a proteggere il tuo patrimonio, conti correnti, immobili, beni, e renderli "intoccabili", con trust, società estere od altri strumenti avanzati di protezione; - a ridurre o azzerare le tasse pianificando il trasferimento all'estero della tua impresa, attività e/o dei tuoi assets, aprendo società estere, o trasferendo la tua residenza fiscale all'estero, utilizzando tutti i paradisi fiscali a tuo vantaggio; - a creare un PIANO B, per tutelarti qualsiasi cosa accada in Europa, anche acquisendo molteplici permessi esteri di residenza permanente o di lungo periodo, o persino seconde cittadinanze;

DIPARTIMENTO PENALISTI

Ti difendiamo e creiamo per te la strategia migliore per arrivare alla tua assoluzione totale.

DIPARTIMENTO CIVILISTI

Ti aiutiamo a far valere le tue ragioni, e puoi affidarci il compito di scrivere e diffidare o denunciare - in qualità di tuoi avvocati - chi non ti ha pagato o chi ti sta recando un danno od un disagio.

Se sei un professionista e vuoi unirti al network clicca qui.

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

Sentenza del 14/01/2020 n. 53 - Comm. Trib. Reg. per il Piemonte Sezione/Collegio 6

Testo:

Conclusione delle parti:

La Regione Piemonte appellante chiede a questa Commissione Regionale di annullare la sentenza n. 317/2018/07 della CTP di Torino con vittoria di spese , diritti ed onorari che l'Amministrazione regionale si riserva di quantificare .

La società appellata chiede a questa Commissione Regionale respinga l'appello proposto dalla Regione Piemonte e per l'effetto confermi la sentenza di imprime cure

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO:

La società -srl opera nel settore della grande distribuzione di generi alimentari e ed è presente nella provincia di Novara con un punto vendita ad insegna " XXXXX Per l'esercizio di detta attività, l'Ufficio delle Dogane di Novara in data 6.8.201 citata ditta la licenza con codice IT00NO XXXX

In base alla normativa vigente e cioè :

-Legge 158 del 16.6.1990

- D.Lgs 398/21.12.1990

-Legge Regionale 47/31.8.1993 come modificata dalla Legge Regionale n. 11 del 26/7/2011

-dalla delibera della Giunta Regionale 51-2907 del 14.11.2011

La società è tenuta a pagare l'IRBA nella misura di centesimi di 2,60 al litro sulla base del quantitativo di prodotto erogato dall'impianto nell'anno precedente.

Secondo quanto stabilito dall'art. 2 della legge regionale n. 11 L 26.7.2011, il gettito derivante dall'IRBA " è destinato al finanziamento degli interventi necessari a fronteggiare gli eventi calamitosi verificatesi sul territorio regionale".

La citata società ignorando la normativa citata ometteva il pagamento dell' IRBA per il periodo Agosto 2015 Maggio 2016.

Il 13.6.2016 ed il 4/7/2016 provvedeva al pagamento dell'imposta , delle sanzioni ed interessi di mora per un totale complessivo di euro 81.20 l,17.

Con istanza indirizzata alla Regione Piemonte ed all'Ufficio delle Dogane di Novara presentata in data 15.2.2017 la società-eccepiva l'illegittimità del prelievo in quanto nella legge regionale n. 11 del26/7/2011 non sarebbero ravvisabili le finalità specifiche in conformità dell'art. l paragrafo 2 della Direttiva 2008/118/CE.

La società chiedeva l'annullamento del provvedimento prot. Al l 03A della Regione Piemonte col quale era stato comunicato il diniego al rimborso dell'IRBA nonché l'annullamento della Delibera della Giunta regionale 51.2907/2011 nella parte in cui veniva previsto che il gettito dell'imposta è destinato " al finanziamento egli interventi necessari a fronteggiare gli eventi calamitosi verificatesi sul territorio regionale " e la disapplicazione e/o declaratoria dell'illegittimità costituzionale dell'art. 5 della Legge Regionale n.47 del 31.8.93 come modificata dall'art. 2 della Legge Regionale n. 11 del 26.07.2011 .

La domanda è fondata e , quindi, è illegittimo il prelievo in quanto nella legge regionale non sarebbero ravvisabili le " finalità specifiche " in conformità dell'art. l paragrafo 2 della Direttiva 2008/118/CE.

La normativa istitutiva dell'IRBA si rinviene nella legge 158/1990 ed all'art. l recita : l'autonomia finanziaria delle regioni è garantita da a) tributi propri e quote di tributi erariali accorpati in un fondo comune che assicuri il finanziamento delle spese necessarie ad adempiere tutte le funzioni normali compresi ei servizi di rilevanza nazionale ".

Con l'art. 17 del D. Lgs 398/12.12.1990 viene concessa alle regioni la facoltà con proprie leggi l'IRBA fissarne l'aliquota in maniera diversa.

Con sentenza n. 317/18 la CTP di Torino accoglieva il ricorso con spese compensate

In data 9/11/2018 la Regione Piemonte presenta appello a questa Commissione Regionale e pone i seguenti motivi:

le determinazioni della Commissione non condivisibili nonché le motivazioni della sentenza si fondano sull'assunto che l'imposta regionale sulla benzina per autotrazione sarebbe una imposta indiretta gravante su un prodotto già colpito da accisa per cui dovrebbe trovare applicazione l'art. l par. 2 della direttiva 2008/118/CE del 16.12.2008 che richiede come condizione la finalità specifica. Ritiene, invece , la ricorrente che l'imposta in argomento sia una accisa regionale sulla benzina , per la quale non è necessaria una fmalità specifica.

In data 18 ottobre 2019 la società XXXX Sppa insiste affinché questa Commissione respinga l'appello proposto dalla Regione Piemonte e, per l'effetto confermi la sentenza di primo grado dichiarando la illegittimità dei provvedimenti impugnati in primo grado, previa conferma della disapplicazione dell'art. 5 Legge Regionale per il contrasto col diritto dell'Unione europea e rinvio alla Corte Costituzionale della questione di legittimità costituzionale delle norme su dette - per i profili indicati nella memoria di costituzione.

MOTIVI DELLA SENTENZA

In data del 6 febbraio 2017 la società XXXX Spa chiedeva il rimborso dell'Imposta Regionale sulla benzina per autotrazione versata dalla medesima per gli anni 2015 e 2016.

La domanda era fondata unicamente sulla pretesa illegittimità del tributo in parola non avente finalità specifica.

La domanda è fondata e, quindi, è illegittimo il prelievo in quanto nella Legge Regionale del Piemonte non sarebbero ravvisabili le finalità specifiche in conformità dell'art. 1 paragrafo 2 della Direttiva 2008/118/CE.

In data 14 febbraio 2017 veniva comunicato il provvedimento di diniego avverso il quale veniva proposto ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale di Torino.

Le motivazioni della sentenza provinciale si basano sull'assunto che l'imposta regionale sulla benzina per autotrazione sarebbe un' imposta indiretta (non armonizzata) gravante su un prodotto già colpito da accisa , per cui dovrebbe trovare applicazione l'art. l, paragrafo 2 della Direttiva 2008/118/CE del 6 dicembre 2008 che richiede " la finalità specifica".

Questa Commissione conferma detto orientamento.

L'IRBA trova la sua origine nel D.Lgs 398/1990 il quale conferisce alle Regioni il potere di istituire tale tributo. La Regione Piemonte ha esercitato tale potere istituendo l'imposta con la Legge Regionale 47/1993 modificata dalla Legge Regionale n. 11/ del 26 luglio 2011 ed in particolare l'art. 5 della Legge Regionale 47, modificato dall'art. 2 della legge n.11/2011 dispone che il " gettito derivante dall'applicazione dell'imposta " è destinato al finanziamento degli interventi necessari a fronteggiare gli eventi calamitosi verificatisi sul territorio regionale ".

Il legislatore comunitario, riconoscendo la necessità di conservare agli Stati membri i fondi per perseguire le diverse politiche nazionali, dà ai medesimi, la possibilità di istituire altre imposte indirete non armonizzate.

Il Decreto Legislativo 26.10.95 n. 504 ( Testo unico sulle accise ) è stato modificato dal decreto legislativo 2/2/2007 n. 26 ha invece recepito la Direttiva 2003/96/CE; il Decreto Legislativo n.48/29.3.2010 ha, invece recepito la Direttiva 2008/118/CE

Per quanto riguarda l'IRBA, sia per la natura, la gestione condivisa tra Regioni beneficiarie del gettito ed Agenzia delle Dogane portano a ritenere l'imposta "un'accisa sulla benzina".

La tassa sulla benzina è sotto accusa dalla Commissione Europea che ha trasmesso la comunicazione della presunta illegittimità della tassa in un bollettino delle procedure di infrazioni in corso.

Nella nota contro l'imposta sul carburante è riportata la legge comunitaria di riferimento che dice chiaramente che" Gli Stati membri possono prelevare altre Imposte Indirette sui prodotti sottoposti ad accisa purchè siano rispettate due condizioni:

l) La tassa è utilizzata per fini specifici;

2) La tassa sia conforme "alla normativa dell'Unione Europea in materia di accise o di Imposta sul Valore Aggiunto.

In entrambi i casi la tassa sulla benzina risulta illegittima e la Commissione ritiene che, nel caso dell'IRBA questi due requisiti non sono soddisfatti.

Gli Stati membri, afferma la Commissione Europea , possono prelevare altre Imposte Indirette sui prodotti sottoposti ad accisa purchè siano rispettati le due condizioni.

In breve la tassa regionale sarebbe contraria al diritto dell'UE perché senza finalità specifiche se non di bilancio è tecnicamente una accisa perché la base imponibile resta l'unità di prodotto.

                                                        PQM

LA COMMISSIONE Conferma la Sentenza di primo grado - Spese compensate.

Torino, 12 Novembre 2019

 

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

Letto 993 volte
DLP