Compila il Modulo contatti o contattaci via whatsapp (no sms) 3791893087 

Inerenza. Sono deducibili i costi relativi ai lavori eseguiti sul bene affittato. Confermato l’annullamento dell’avviso di accertamento.

Scritto da
Vota l'articolo!
(1 Voto)

Estratto: “l'inerenza esprime la riferibilità del costo sostenuto all'attività d'impresa, escludendosi solo i costi che si collocano in una sfera estranea all'esercizio dell'impresa (giudizio qualitativo oggettivo) - (Cass. n. 450/2018); 7. nel caso che occupa la sentenza impugnata, ha fatto buon governo di tali principi, atteso che il giudice di secondo grado, ha ritenuto rilevante ai fini della decisione, l'accertamento della inerenza dei costi desumibile dalla circostanza che la giustificazione del costo dedotto trovava fondamento nella positiva verifica della sussistenza di un rapporto di causa ed effetto, ovvero di un collegamento funzionale tra oggetto ed attività d'impresa”.

Torna alla Pagina Principale: https://www.studiotributariodlp.it   

Per rimanere aggiornato iscriviti al nostro canale Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCwYYt0S4B1mOlNSbg7P584w?sub_confirmation=1

***

Per richiedere una consulenza a seguito del ricevimento di un questionario, invito al contraddittorio, invito a comparire o avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate, compila il modulo contatti che trovi nella pagina principale del nostro sito https://www.studiotributariodlp.it o nella pagina contatti.

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza, con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: https://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti

Per esaminare alcuni dei verdetti e dei risultati ottenuti per i nostri clienti nell’ultimo biennio clicca qui

***

Corte di Cassazione, Sez. 5

Ordinanza n. 13763 del 22 maggio 2019

RILEVATO che:

l'Agenzia delle Entrate ricorre avverso la sentenza n. 86, depositata in data 25/03/2011, con la quale la CTR dell'Abruzzo ha rigettato l'appello interposto dall'Ufficio contro la sentenza della CTP, che aveva annullato l'accertamento in rettifica della dichiarazione presentata per l'anno d'imposta 2003 dalla S. S.r.l., in relazione a costi d'impresa deducibili; in particolare, per quanto qui rileva, la CTR riteneva deducibili i costi, in quanto inerenti e funzionali all'attività d'impresa; avverso tale pronuncia ricorre l'Agenzia delle Entrate, affidandosi a due motivi. La S. S.r.l., ritualmente intimata, non si è costituita in giudizio.

CONSIDERATO che:

1. con il primo motivo viene denunciata in relazione all'art. 360, comma 1°, n. 3, c.p.c., la violazione dell'art. 109, comma 5, del d.P.R. n. 917/86, per avere la CTR, erroneamente, ritenuto deducibili dei costi sostenuti dalla società, per lavori eseguiti su un bene di terzi, acquisito dalla società in locazione;

2. con il secondo motivo viene denunciata la violazione dell'art. 360, 1° comma, n. 5, c.p.c., per omessa motivazione in ordine ad un fatto decisivo della controversia, costituito dall'inerenza dei costi e delle spese rispetto all'attività d'impresa;

3. il primo motivo pone il problema di stabilire se intercorra un rapporto di inerenza tra i costi ed i lavori eseguiti dalla S. S.r.l. su un immobile detenuto in locazione, rispetto all'attività d'impresa dalla stessa esercitata;

4. il motivo è infondato.

5. su tale tema l'orientamento prevalente della giurisprudenza di questa Corte era nel senso di formulare la nozione di inerenza in termini di suscettibilità, anche solo potenziale, di arrecare, direttamente o indirettamente, una utilità all'attività d'impresa, con richiamo all'art. 109 (ex art. 75) TUIR ("ex plurimis", Cass. n. 10914 del 2015);

6. di recente tale orientamento è stato, ulteriormente, precisato in termini che il Collegio condivide, pienamente, in base ai quali l'inerenza esprime la riferibilità del costo sostenuto all'attività d'impresa, escludendosi solo i costi che si collocano in una sfera estranea all'esercizio dell'impresa (giudizio qualitativo oggettivo) - (Cass. n. 450/2018);

7. nel caso che occupa la sentenza impugnata, ha fatto buon governo di tali principi, atteso che il giudice di secondo grado, ha ritenuto rilevante ai fini della decisione, l'accertamento della inerenza dei costi desumibile dalla circostanza che la giustificazione del costo dedotto trovava fondamento nella positiva verifica della sussistenza di un rapporto di causa ed effetto, ovvero di un collegamento funzionale tra oggetto ed attività d'impresa;

8. quanto detto in ordine al primo motivo, consente, poi, di ritenere infondato anche il secondo;

9. infatti la CTR con motivazione congrua, ha, compiutamente, indicato i presupposti di fatto che consentivano di ricollegare i costi all'attività d'impresa, vale a dire, l'essere state le spese effettuate dalla società finalizzate ad adeguare la linea di produzione "lavanderia".

10. per quanto precede il ricorso va rigettato, mentre l'assenza di attività defensionale da parte della contribuente esime il Collegio dalla pronuncia sulle spese del presente giudizio.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Così deciso in Roma, nell'adunanza camerale del 30.11.2018.

***

Torna alla Pagina Principale: https://www.studiotributariodlp.it 

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza, con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: https://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Inoltre, anche grazie alle innovazioni del processo tributario telematico DLP Studio Tributario - e gli avvocati Francesco L. De Luca e Federico Pau - rappresentano ed assistono in giudizio contribuenti ed aziende in tutti i fori processuali d’Italia, attraverso la proposizione di ricorsi tributari nonché appelli e ricorsi per cassazione avverso sentenze sfavorevoli.

Letto 909 volte
DLP