Scrivici per investire in una consulenza o videocorso compilando il Modulo contatti (CLICCA QUI)

 

Email Segretaria@networkdlp.it

 

 

Fatture soggettivamente inesistenti. Se l’Agenzia offre solo “sospetti” la prova non è raggiunta. Agenzia deve provare tanto la soggettiva inesistenza che la consapevolezza.

Scritto da
Vota l'articolo!
(1 Voto)

Estratto: “gli elementi addotti a sostegno della tesi dell'Ufficio assurgono, al più, a "sospetti", non consentendo di ritenere assolto, nella specie, l'onere gravante sull'amministrazione e consistente nella dimostrazione non solo (1) dell'alterità soggettiva dell'imputazione delle operazioni, nel senso che il soggetto formale non è quello reale ma anche (2) della circostanza per cui il cessionario sapeva o avrebbe dovuto sapere che la cessione si inseriva in una evasione Iva”.

***

Prima di esaminare nel concreto il testo del contributo, se è la tua prima volta qui, ecco

ALCUNI DEI SERVIZI DEI PROFESSIONISTI

DEL NOSTRO NETWORK

DIPARTIMENTO TRIBUTARISTI

 Ti difendiamo da cartelle, avvisi di accertamento o verifiche fiscali, e combattiamo nel processo per farti ottenere l’annullamento o ti rappresentiamo per trovare un accordo con l'Agenzia delle Entrate e ridurre il debito;

 Ti aiutiamo, grazie agli strumenti della pianificazione internazionale: - a proteggere il tuo patrimonio, conti correnti, immobili, beni, e renderli "intoccabili", con trust, società estere od altri strumenti avanzati di protezione; - a ridurre o azzerare le tasse pianificando il trasferimento all'estero della tua impresa, attività e/o dei tuoi assets, aprendo società estere, o trasferendo la tua residenza fiscale all'estero, utilizzando tutti i paradisi fiscali a tuo vantaggio; - a creare un PIANO B, per tutelarti qualsiasi cosa accada in Europa, anche acquisendo molteplici permessi esteri di residenza permanente o di lungo periodo, o persino seconde cittadinanze;

DIPARTIMENTO PENALISTI

 Ti difendiamo e creiamo per te la strategia migliore per arrivare alla tua assoluzione totale.

DIPARTIMENTO CIVILISTI

 Ti aiutiamo a far valere le tue ragioni, e puoi affidarci il compito di scrivere e diffidare o “denunciare” - in qualità di tuoi avvocati - chi non ti ha pagato o chi ti sta recando un danno od un disagio.

Se sei un professionista e vuoi unirti al network clicca qui.

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

Corte Cassazione, Sez. 5

Ordinanza n. 20496 del 30 luglio 2019

RILEVATO CHE:

- l'Agenzia delle Entrate notificò a F.C. s.r.l. un avviso di accertamento relativo, tra l'altro e per quanto in questa sede ancora rileva, ad una ripresa I.V.A. per l'importo di € 73.533,32, a fronte della partecipazione della contribuente ad operazioni soggettivamente inesistenti;

- avverso tale provvedimento FC s.r.l. propose ricorso innanzi alla C.T.P. di Venezia che, con sentenza 66/04/2008 lo accolse, annullando l'avviso di accertamento impugnato relativamente alla ripresa I.V.A. di cui si è detto;

- avverso tale capo della decisione di prime cure l'Agenzia delle Entrate propose appello innanzi alla C.T.R. del Veneto la quale, con sentenza n. 45/7/11, del 10.5.2011, lo respinse ritenendo (a) non solo che l'ufficio non avesse dimostrato la contestata consapevole partecipazione della contribuente alla frode carosello sottesa alla ripresa in questione, ma anche (b) che l'avviso di accertamento non fosse motivato, stante la relatio "ad alcuni atti totalmente sconosciuti dal ricorrente"; - avverso tale decisione l'Agenzia ha proposto ricorso per cassazione, affidato a cinque motivi; FC s.r.I., nelle more fallita, è rimasta intimata;

CONSIDERATO CHE:

- con i primi quattro motivi parte ricorrente si duole (in relazione, rispettivamente, all'art. 360, comma 1, nn. 3 e 5, cod. proc. civ.) della violazione e falsa applicazione degli artt. 17, 18, 19 e 21, comma 7, del d.P.R. n. 633 del 1972, dell'art. 2697 cod. civ. nonché dell'omessa o insufficiente motivazione in relazione alla ritenuta mancanza di prova circa la consapevolezza, in capo alla contribuente, di partecipare ad una frode carosello; - i motivi, suscettibili di trattazione congiunta, stante l'identità delle questioni agli stessi sottese, sono inammissibili, mirando, nella sostanza, ad una rivalutazione (non consentita in sede di legittimità) delle risultanze istruttorie raccolte nella fase di merito: d'altra parte, se (a) è consolidato il principio in virtù del quale in tema di contenzioso tributario, spetta al giudice di merito valutare l'opportunità di fare ricorso a presunzioni, individuare i fatti da porre a fondamento del relativo processo logico e valutarne la rispondenza ai requisiti di legge, con apprezzamento di fatto che, ove adeguatamente motivato, sfugge al sindacato di legittimità (Cass., Sez. 6-5, 8.1.2015, n. 101, Rv. 634118-01), nondimeno non può non osservarsi come, nella specie, (b) la C.T.R., nell'escludere la consapevolezza (effettiva o, quantomeno, possibile) della FC di partecipare ad un'operazione soggettivamente inesistente, ha - senza con ciò dar luogo ad alcuna inversione dell'onere della prova - ampiamente dato conto delle ragioni (cfr. motivazione, p. 2) per cui gli elementi addotti a sostegno della tesi dell'Ufficio assurgono, al più, a "sospetti", non consentendo di ritenere assolto, nella specie, l'onere gravante sull'amministrazione e consistente nella dimostrazione non solo (1) dell'alterità soggettiva dell'imputazione delle operazioni, nel senso che il soggetto formale non è quello reale ma anche (2) della circostanza per cui il cessionario sapeva o avrebbe dovuto sapere che la cessione si inseriva in una evasione Iva (cfr., da ultimo, Cass., Sez. 6-5, 28.2.2019, n. 5873, Rv. 653071-01);

- da quanto precede deriva l'inammissibilità, per difetto di interesse all'impugnazione, anche del quinto motivo di ricorso, che investe la seconda, autonoma ratio decidendi sulla quale si fonda la sentenza impugnata, costituita dall'accertata violazione del diritto di difesa della contribuente in conseguenza, nella ricostruzione degli addebiti, del richiamo ad atti ad essa totalmente sconosciuti alla FC (cfr., fra molte, Cass. nn. 22753/011, 18641/017, 11493/018 ); - poiché il Fallimento della FC s.r.l. è rimasto intimato, non v'è luogo alla liquidazione delle spese del giudizio.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sezione Civile Tributaria, il 12.6.2019.

 

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

Letto 1119 volte
DLP