Modulo contatti o via whatsapp (sms) 3791893087 

Omesso deposito in atti della relazione di notificazione della sentenza impugnata: il ricorso dell’Agenzia delle Dogane è improcedibile.

Scritto da
Vota l'articolo!
(0 voti)

Estratto: “Il tenore letterale della norma non consente di distinguere tra deposito della sentenza impugnata e deposito della relazione di notificazione, come già ritenuto da questa Corte (Cass, Sez. U. ordinanze 16/04/2009 nn. 9004 e 9005), trattandosi di adempimento che corrisponde ad esigenze obbiettive delle gestione del processo di cassazione, la cui razionalità è stata già verificata dalla giurisprudenza di legittimità anche nell'ottica del rispetto dei principi costituzionali”.

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it       

Per rimanere aggiornato iscriviti al nostro canale Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCwYYt0S4B1mOlNSbg7P584w?sub_confirmation=1

***

Per richiedere una consulenza a seguito del ricevimento di un questionario, invito al contraddittorio, invito a comparire o avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate, compila il modulo contatti che trovi nella pagina principale del nostro sito http://www.studiotributariodlp.it o nella pagina contatti.

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza, con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Per esaminare alcuni dei risultati (e delle sentenze) ottenuti per i nostri clienti nell’ultimo biennio clicca qui

***

Corte di Cassazione, Sez. 5,

Ordinanza n. 25075 dell'8 ottobre 2019

RILEVATO CHE

PB Spa, nella qualità di importatore, e B. srl, nella qualità di dichiarante doganale, impugnavano gli avvisi di rettifica del valore dichiarato e gli atti di contestazione delle sanzioni, emessi dall'Agenzia delle dogane e dei monopoli per dazi ed Iva in relazione all'avvenuta importazione di capi di abbigliamento dalla Cina nell'anno 2008, sul presupposto che fosse stato indebitamente dichiarato all'importazione il valore di una vendita antecedente, e che non fosse stato ricompreso nella dichiarazione il valore dei diritti di licenza dei loghi e marchi apposti sui capi di abbigliamento importati.

Le ricorrenti eccepivano violazioni formali degli atti e sostenevano, nel merito:

- di avere legittimamente indicato nella dichiarazione doganale il prezzo della precedente vendita, a ciò facultati dall' art. 147 reg. CEE n. 2454/1993 (in sigla DAC);

- che non sussistevano le condizioni di legge per l'inclusione dei diritti di licenza nell' imponibile doganale.

La Commissione Tributaria Provinciale respingeva i ricorsi avverso gli avvisi di rettifica, ed accoglieva quelli avverso gli atti di irrogazione delle sanzioni.

A seguito di appello delle contribuenti e dell'Agenzia relativamente ai capi della decisione loro rispettivamente sfavorevoli la Commissione Tributaria Lombardia riformava totalmente la sentenza di primo grado, accogliendo l'appello delle società e rigettando quello dell'Agenzia.

Quest'ultima ricorre per cassazione per cinque motivi.

Resistono le contribuenti con separati controricorsi, fra loro del tutto sovrapponibili, e depositano memoria unica ai sensi dell' art. 380- bis.l. cod. proc. Civ.

CONSIDERATO CHE

1. La ricorrente Agenzia delle Dogane e dei Monopoli non ha depositato in atti la relazione di notificazione della sentenza della Commissione Tributaria Regionale impugnata, pur affermando nel ricorso di averne ricevuto notifica il 24 febbraio 2014. Tale deposito è previsto, a pena di improcedibilità del ricorso, dall'art. 369, comma 2, n. 2) cod. proc. civ. Il tenore letterale della norma non consente di distinguere tra deposito della sentenza impugnata e deposito della relazione di notificazione, come già ritenuto da questa Corte (Cass, Sez. U. ordinanze 16/04/2009 nn. 9004 e 9005), trattandosi di adempimento che corrisponde ad esigenze obbiettive delle gestione del processo di cassazione, la cui razionalità è stata già verificata dalla giurisprudenza di legittimità anche nell'ottica del rispetto dei principi costituzionali.

Perciò detta causa di improcedibilità può essere rilevata dalla Corte anche in mancanza di specifico rilievo da parte del contro ricorrente circa l'inosservanza del termine breve per la proposizione del ricorso.

1.1. La giurisprudenza più recente ha attenuato il rigore nella interpretazione della norma, affermando che la pronunzia di improcedibilità non deve essere emessa nel caso in cui il documento mancante sia nella disponibilità del giudice per opera della controparte o perché la documentazione sia stata acquisita mediante l'istanza di trasmissione del fascicolo d'ufficio. In tal caso, infatti, le ragioni della tempestiva conoscenza, che avevano sorretto la lettura rigorista, cedono alla verifica di ragionevolezza delle regole del procedimento e di proporzionalità della sanzione.

Nel caso qui in esame, tuttavia, il documento mancante non risulta prodotto dalle contro ricorrenti né allegato al fascicolo d'ufficio.

2. Sussiste pertanto un vizio processuale che ha carattere preliminare, e rende perciò superfluo l'esame di tutte le questioni prospettate dalle parti.

 Consegue la dichiarazione di improcedibilità del ricorso e la condanna della ricorrente al pagamento delle spese processuali, come appresso liquidate, in favore delle controparti, in ragione dell'attività processuale svolta.

P.Q.M.

La Corte dichiara il ricorso improcedibile e condanna la ricorrente Agenzia al pagamento delle spese di questo grado di giudizio, liquidate in euro 3.000,00 (tremila) complessivi per ciascuna delle società convenute, altre spese forfetarie in misura del 15% e accessori di legge.

Deciso in Roma, nell'adunanza camerale del 28 marzo 2019.

***

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it 

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza, con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Inoltre, anche grazie alle innovazioni del processo tributario telematico DLP Studio Tributario - e gli avvocati Francesco L. De Luca e Federico Pau - rappresentano ed assistono in giudizio contribuenti ed aziende in tutti i fori processuali d’Italia, attraverso la proposizione di ricorsi tributari nonché appelli e ricorsi per cassazione avverso sentenze sfavorevoli.

Letto 247 volte
DLP