Scrivici per investire in una consulenza o videocorso compilando il Modulo contatti (CLICCA QUI)

 

Email Segretaria@networkdlp.it

 

 

Utilizzo di false fatture: ecco quando si può essere assolti dal reato

Scritto da
Vota l'articolo!
(0 voti)

Utilizzo di false fatture: ecco quando si può essere assolti dal reato

***

Prima di esaminare nel concreto il testo del contributo, se è la tua prima volta qui, ecco

ALCUNI DEI SERVIZI DEI PROFESSIONISTI

DEL NOSTRO NETWORK

DIPARTIMENTO TRIBUTARISTI

Ti difendiamo da cartelle, avvisi di accertamento o verifiche fiscali, e combattiamo nel processo per farti ottenere l’annullamento o ti rappresentiamo per trovare un accordo con l'Agenzia delle Entrate e ridurre il debito;

Ti aiutiamo, grazie agli strumenti della pianificazione internazionale: - a proteggere il tuo patrimonio, conti correnti, immobili, beni, e renderli "intoccabili", con trust, società estere od altri strumenti avanzati di protezione; - a ridurre o azzerare le tasse pianificando il trasferimento all'estero della tua impresa, attività e/o dei tuoi assets, aprendo società estere, o trasferendo la tua residenza fiscale all'estero, utilizzando tutti i paradisi fiscali a tuo vantaggio; - a creare un PIANO B, per tutelarti qualsiasi cosa accada in Europa, anche acquisendo molteplici permessi esteri di residenza permanente o di lungo periodo, o persino seconde cittadinanze;

DIPARTIMENTO PENALISTI

Ti difendiamo e creiamo per te la strategia migliore per arrivare alla tua assoluzione totale.

DIPARTIMENTO CIVILISTI

Ti aiutiamo a far valere le tue ragioni, e puoi affidarci il compito di scrivere e diffidare o “denunciare” - in qualità di tuoi avvocati - chi non ti ha pagato o chi ti sta recando un danno od un disagio.

Se sei un professionista e vuoi unirti al network clicca qui.

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

Fatture emesse con importi diversi da quelli dei reali corrispettivi? O fatture che non vengono emesse nonostante sia avvenuta la prestazione? O ancora fatture emesse per operazioni inesistenti, o fatture falsificate al solo fine di poter disporre di un anticipo dalla propria banca?

Si tratta, in buona evidenza, di una gamma di ipotesi diverse, ma che potrebbero ben essere riassunte – forse un po’ superficialmente – sotto l’etichetta di “false fatture”. Un fenomeno non certo raro o nuovo all’interno del nostro sistema economico, e che espone l’autore dell’illecito a una serie di sanzioni che possono comprendere anche una condanna penale e, dunque, la reclusione.

Ma le fatture false comportano sempre una simile conseguenza? O ci sono alcuni casi in cui si può essere assolti dal reato?

Abbiamo individuato tre diverse ipotesi, già sperimentate in sede giurisprudenziale, in cui – effettivamente – all’emissione di una fattura falsa non è corrisposto un reato. Per maggiori informazioni vi invitiamo tuttavia fin d’ora a contattare il nostro studio per poter disporre di una consulenza qualificata e personalizzata.

Il pagamento delle fatture false

Il primo caso che vogliamo portare all’attenzione è quello evidenziato non troppo tempo fa dalla posizione della Suprema Corte con la sentenza Cass n. 30159 del 15 giugno 2017, che è intervenuta in tema di reato per fatture per operazioni inesistenti, dichiarando che qualora il contribuente provveda al pagamento delle fatture false e alla loro registrazione in contabilità, tali elementi dovranno essere considerati dal giudice penale, il quale escluderà la condanna per il reato di emissione di fatture false.

In tale fattispecie, a nulla rileva che l’emittente della fattura falsa abbia omesso di presentare le relative dichiarazioni fiscali e i versamenti conseguenti, poiché da queste circostanze non deriva necessariamente l’inesistenza oggettiva delle operazioni che sono indicate nelle fatture incriminate.

In altri termini, l’emissione di una fattura falsa viene “penalmente sanata” dalla registrazione del documento dal cliente finale e dal pagamento attraverso bonifici e altri sistemi facilmente tracciabili, come gli assegni. Assume così “indubbio rilievo” l’annotazione dei documenti nella contabilità della società controparte e il relativo pagamento.

Consegna di documenti fiscali falsi

Una seconda ipotesi di “depenalizzazione” dell’ipotesi di falsa fatturazione di cui all’art. 8 del d. lgs. 74/2000 (appunto, rubricato “Emissione di fatture false o altri documenti per operazioni inesistenti”), è quella legata alla presenza di un documento fiscale falso, formato dal terzo che lo ha ricevuto “in bianco” dall’emittente. In altri termini, la più remota sentenza Cass n. 50628 del 3 dicembre 2014, ha ristretto l’ambito di applicazione del reato penalmente rilevante alle sole ipotesi di consegna dei documenti fiscali falsi.

Nella fattispecie di cui si sono occupati i giudici della Terza sezione penale, dunque, sono cadute le accuse nei confronti di un imprenditore che era stato accusato di aver consegnato a terzi dei bollettari per l’emissione delle fatture che riportavano solamente la propria partita IVA e il timbro con la ragione sociale. Mancando infatti gli altri elementi formali utili per poter ritenere la fattura formata, il fatto contestato non poteva essere ricondotto alla fattispecie di cui in reato.

Di qui, se possibile, la riconduzione del caso specifico a un diverso reato tributario: non l’emissione di una fattura falsa, quanto la formazione potenziale di eventuali fatture false da parte di un soggetto diverso dall’emittente.

Disconoscimento delle fatture false

L’ultima condotta che conduce a escludere la configurabilità di reato di fatture false è quella su cui si è espressa da pochi mesi la Cassazione con sentenza n. 25552 del 10 giugno 2019, in accoglimento del ricorso presentato da un manager che era stato condannato per bancarotta fraudolenta.

In sintesi, i giudici della Suprema Corte hanno affermato che l’imprenditore non può essere condannato per il reato di emissione di fatture per operazioni inesistenti, nel caso in cui la fattura sia disconosciuta dall’amministratore della società utilizzatrice, che risulta essere una testa di legno, ovvero un prestanome che sostituiva, anche formalmente, il reale dominus.

Evidentemente, le casistiche che sopra abbiamo riassunto costituiscono solamente una parte del ventaglio di ipotesi di non configurabilità del reato di false fatturazioni. Per poter disporre di maggiori informazioni e valutare il vostro caso specifico, vi invitiamo a contattare il nostro studio usando il modulo dei contatti.

 

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

Letto 16504 volte
DLP