Scrivici per investire in una consulenza o videocorso compilando il Modulo contatti (CLICCA QUI)

 

Email Segretaria@networkdlp.it

 

 

I 2 paesi con tassazione basata sulla cittadinanza

Scritto da
Vota l'articolo!
(0 voti)

I 2 paesi con tassazione basata sulla cittadinanza

***

Prima di esaminare nel concreto il testo del contributo, se è la tua prima volta qui, ecco

ALCUNI DEI SERVIZI DEI PROFESSIONISTI

DEL NOSTRO NETWORK

DIPARTIMENTO TRIBUTARISTI

 Ti difendiamo da cartelle, avvisi di accertamento o verifiche fiscali, e combattiamo nel processo per farti ottenere l’annullamento o ti rappresentiamo per trovare un accordo con l'Agenzia delle Entrate e ridurre il debito;

 Ti aiutiamo, grazie agli strumenti della pianificazione internazionale ed all’ottimizzazione fiscale internazionale: - a proteggere il tuo patrimonio, conti correnti, immobili, beni, e renderli "intoccabili", con trust, società estere od altri strumenti avanzati di protezione; - a ridurre o azzerare le tasse pianificando il trasferimento all'estero della tua impresa, attività e/o dei tuoi assets, aprendo società estere, o trasferendo la tua residenza fiscale all'estero, utilizzando tutti i paradisi fiscali a tuo vantaggio; - a creare un PIANO B, per tutelarti qualsiasi cosa accada in Europa, anche acquisendo molteplici permessi esteri di residenza permanente o di lungo periodo, o persino seconde cittadinanze;

Se non sei ancora pronto per una consulenza diretta con noi, ma vuoi ugualmente fare qualcosa per pagare molte meno tasse e contributi con l’ottimizzazione fiscale internazionale, puoi iniziare acquistando su Amazon il libro “I segreti dell’ottimizzazione fiscale internazionale” scritto dall’Avv. Federico Pau, cliccando sul seguente link https://www.amazon.it/dp/B0C2S9ZYNB disponibile sia in formato cartaceo che digitale.

DIPARTIMENTO PENALISTI

 Ti difendiamo e creiamo per te la strategia migliore per arrivare alla tua assoluzione totale.

DIPARTIMENTO CIVILISTI

 Ti aiutiamo a far valere le tue ragioni, e puoi affidarci il compito di scrivere e diffidare o “denunciare” - in qualità di tuoi avvocati - chi non ti ha pagato o chi ti sta recando un danno od un disagio.

Se sei un professionista e vuoi unirti al network clicca qui.

*** 

Tassazione basata sulla cittadinanza (CBT) è un sistema che richiede ai cittadini di un paese di pagare le tasse sul loro reddito mondiale, indipendentemente dal fatto che risiedano o meno nel paese. Ciò significa che i cittadini di alcuni paesi potrebbero dover pagare le tasse nel loro paese d'origine anche se non vivono lì o non hanno percepito alcun reddito all'interno del paese. Questo sistema è diverso dal sistema di tassazione basato sulla residenza utilizzato dalla maggior parte dei paesi, in cui le tasse vengono pagate solo sui redditi guadagnati all'interno dei confini del paese.

Ci sono solo due paesi al mondo che attualmente utilizzano la tassazione basata sulla cittadinanza: l'Eritrea e gli Stati Uniti. In questo articolo, esploreremo le ragioni alla base della decisione di questi due paesi di utilizzare la CBT e l'impatto che ha avuto sui loro cittadini.

  1. Eritrea

L'Eritrea è un piccolo paese situato nel Corno d'Africa. Il paese ha ottenuto l'indipendenza dall'Etiopia nel 1993 dopo una lunga e sanguinosa guerra civile. Da allora, l'Eritrea è stata governata da uno stato monopartitico, il Fronte popolare per la democrazia e la giustizia (PFDJ), guidato dal presidente Isaias Afwerki.

L'Eritrea è un paese povero con un'economia prevalentemente agricola. Il paese è soggetto a sanzioni delle Nazioni Unite dal 2009 a causa del suo presunto sostegno ai gruppi terroristici nella regione e delle sue violazioni dei diritti umani. Il governo è stato accusato di arruolare i suoi cittadini per il servizio militare a tempo indeterminato, di limitare la libertà di parola e di stampa e di utilizzare il lavoro forzato.

La decisione dell'Eritrea di utilizzare la tassazione basata sulla cittadinanza si basa sul suo desiderio di finanziare i suoi programmi militari e di sviluppo. Il governo dell'Eritrea impone una tassa del 2% ai suoi cittadini che vivono all'estero, indipendentemente dal loro livello di reddito. Questa tassa viene riscossa dalle ambasciate e dai consolati eritrei in tutto il mondo.

La tassa è stata criticata dai gruppi per i diritti umani come una forma di estorsione e una violazione dei diritti dei cittadini eritrei che vivono all'estero. Anche le Nazioni Unite hanno condannato la tassa e imposto sanzioni all'Eritrea per averla utilizzata per finanziare le sue attività militari.

Il governo eritreo difende la tassa come un modo per finanziare programmi di sviluppo nel paese. La tassa è vista anche come un modo per impedire agli eritrei che vivono all'estero di tagliare completamente i legami con il loro paese d'origine. Molti eritrei sono fuggiti dal paese a causa delle politiche del governo e la tassa è vista come un modo per mantenere un legame con coloro che se ne sono andati.

L'impatto della tassa sugli eritrei che vivono all'estero è stato significativo. Molti eritrei che vivono nella diaspora si sono rifiutati di pagare la tassa, temendo che andrà a finanziare le attività militari del governo o sarà utilizzata per arricchire i funzionari del governo. La tassa ha anche reso difficile per gli eritrei ottenere passaporti e altri documenti dal loro paese d'origine.

  1. stati Uniti

Gli Stati Uniti sono l'unico altro paese al mondo che attualmente utilizza la tassazione basata sulla cittadinanza. Gli Stati Uniti hanno utilizzato questo sistema dall'approvazione del Revenue Act del 1862 durante la guerra civile.

Il sistema fiscale statunitense è uno dei più complessi al mondo, con una miriade di codici fiscali e regolamenti che possono essere difficili da navigare anche per il contribuente più esperto. Per i cittadini statunitensi che vivono all'estero, il sistema può essere particolarmente oneroso. I cittadini statunitensi sono tenuti a presentare le dichiarazioni dei redditi e pagare le tasse sul loro reddito mondiale, indipendentemente da dove vivono o guadagnano il loro reddito.

Il governo degli Stati Uniti giustifica la tassazione basata sulla cittadinanza come un modo per prevenire l'evasione fiscale da parte dei cittadini statunitensi che vivono all'estero. Il governo sostiene che senza questo sistema, i ricchi americani potrebbero semplicemente spostare i propri beni e redditi nei paradisi fiscali ed evitare di pagare le tasse statunitensi.

L'impatto della tassazione basata sulla cittadinanza sui cittadini statunitensi che vivono all'estero è stato significativo. Molti americani che vivono all'estero hanno segnalato difficoltà nell'ottenere servizi finanziari come conti bancari e mutui, poiché molte istituzioni finanziarie straniere sono riluttanti a trattare con il sistema fiscale statunitense. Inoltre, il costo per conformarsi alle normative fiscali statunitensi può essere significativo, poiché i cittadini statunitensi potrebbero dover assumere professionisti fiscali per aiutarli a navigare nel sistema.

Ci sono state richieste di riformare il sistema fiscale statunitense per allontanarsi dalla tassazione basata sulla cittadinanza. Negli ultimi anni, un numero crescente di cittadini statunitensi che vivono all'estero ha formato gruppi di difesa per promuovere il cambiamento. Questi gruppi sostengono che il sistema attuale è ingiusto e pone un onere eccessivo sugli americani che vivono all'estero.

Alcune proposte di riforma includono il passaggio a un sistema fiscale basato sulla residenza, in cui le tasse vengono pagate solo sui redditi guadagnati negli Stati Uniti, o l'implementazione di un sistema fiscale territoriale, in cui le tasse vengono pagate solo sui redditi guadagnati negli Stati Uniti e nei suoi territori. Tuttavia, queste proposte incontrano una significativa opposizione da parte di coloro che sostengono che porterebbero a minori entrate fiscali per il governo degli Stati Uniti.

Il dibattito sulla tassazione basata sulla cittadinanza negli Stati Uniti è stato anche collegato alle discussioni sul ruolo del paese nell'economia globale. Alcuni sostengono che l'attuale sistema metta gli Stati Uniti in una posizione di svantaggio, in quanto rende difficile per gli americani competere per posti di lavoro e fare affari in altri paesi.

Nel complesso, la tassazione basata sulla cittadinanza è una questione controversa e complessa. Sebbene possa essere visto come un modo per i paesi di generare entrate e mantenere un legame con i propri cittadini che vivono all'estero, può anche essere visto come una violazione dei diritti individuali e un ostacolo alla crescita economica. Mentre l'economia globale continua ad evolversi, resta da vedere se la tassazione basata sulla cittadinanza continuerà ad essere utilizzata da qualsiasi paese o se emergerà un nuovo sistema che rifletta meglio le realtà del mondo moderno.

Dichiarazione di non responsabilità: parla sempre direttamente con un avvocato; i post del blog non sono una fonte di informazioni sufficiente per prendere decisioni, potrebbero non essere appropriati per la tua situazione e potrebbero non essere aggiornati nel momento in cui li leggi, parla sempre direttamente con un avvocato.

Servizi di Fiscalità Internazionale

Se è la tua prima volta, ecco alcuni esempi dei risultati che possiamo aiutarti a raggiungere nell’ambito della fiscalità internazionale:

- servizi di ottimizzazione fiscale internazionale, per ridurre le tue tasse (anche a zero);

- servizi di trasformazione della tua impresa tramite l’associazione, da un lato, dell’Intelligenza Artificiale, per ridurre i costi e aumentare il fatturato, e, dall’altro lato, la contemporanea ottimizzazione fiscale internazionale, per azzerare (o grandemente ridurre) le tasse.

- servizi di analisi a 360 gradi della tua situazione specifica (personale e lavorativa) per aiutarti a scegliere il/i paese/i migliore/i per le tue specifiche esigenze, che ti garantiscano sia il risparmio fiscale sia tutte ciò che desideri in base alle tue esigenze (ad esempio maggiori opportunità commerciali, qualità della vita migliore, assenza di burocrazia che frena la tua impresa, maggiori libertà personali, operative e di impresa);

- servizi di protezione dei tuoi beni, conti, immobili, assets digitali, ed altro;

- servizi per aiutarti a diventare un imprenditore internazionale/globale, in grado di utilizzare tutte le normative fiscali mondiali a proprio vantaggio;

- servizi di ideazione di strategie personalizzate per permetterti di beneficiare personalmente dei paradisi fiscali;

- servizi di creazione del piano mondiale individualizzato, che a seconda delle tue caratteristiche, individui tutte le opzioni al mondo di ottimizzazione fiscale internazionale per la tua specifica situazione;

- servizi di creazione di piani di protezione idonei a prevenire e proteggerti da accertamenti fiscali, che invece subiscono frequentemente, dopo 4-5 anni dall’espatrio, i contribuenti che si trasferiscono senza assistenza di avvocati tributaristi qualificati (e che inconsapevolmente commettono errori fiscali gravi);

- servizi di acquisizione di visa estere (permessi di residenza di lungo periodo esteri), per trasferirti in maniera fiscalmente ottimale o da acquisire come piano B (per ampliare le tue possibilità qualsiasi cosa accada);

- servizi di acquisizione di nuovi passaporti.

Contattaci compilando il modulo nella pagina principale:

https://www.studiotributariodlp.it

Letto 257 volte
DLP