Scrivici per acquistare una prima consulenza compilando il Modulo contatti (CLICCA QUI)

 

Email Segretaria@networkdlp.it

 

 

TRASFERIRSI IN UNO STATO BLACK LIST

Scritto da
Vota l'articolo!
(0 voti)

TRASFERIRSI IN UNO STATO BLACK LIST

***

Prima di esaminare nel concreto il testo del contributo, se è la tua prima volta qui, ecco

ALCUNI DEI SERVIZI DEI PROFESSIONISTI

DEL NOSTRO NETWORK

DIPARTIMENTO TRIBUTARISTI

 Ti difendiamo da cartelle, avvisi di accertamento o verifiche fiscali, e combattiamo nel processo per farti ottenere l’annullamento o ti rappresentiamo per trovare un accordo con l'Agenzia delle Entrate e ridurre il debito;

 Ti aiutiamo, grazie agli strumenti della pianificazione internazionale: - a proteggere il tuo patrimonio, conti correnti, immobili, beni, e renderli "intoccabili", con trust, società estere od altri strumenti avanzati di protezione; - a ridurre o azzerare le tasse pianificando il trasferimento all'estero della tua impresa, attività e/o dei tuoi assets, aprendo società estere, o trasferendo la tua residenza fiscale all'estero, utilizzando tutti i paradisi fiscali a tuo vantaggio; - a creare un PIANO B, per tutelarti qualsiasi cosa accada in Europa, anche acquisendo molteplici permessi esteri di residenza permanente o di lungo periodo, o persino seconde cittadinanze;

DIPARTIMENTO PENALISTI

 Ti difendiamo e creiamo per te la strategia migliore per arrivare alla tua assoluzione totale.

DIPARTIMENTO CIVILISTI

 Ti aiutiamo a far valere le tue ragioni, e puoi affidarci il compito di scrivere e diffidare o denunciare - in qualità di tuoi avvocati - chi non ti ha pagato o chi ti sta recando un danno od un disagio.

Se sei un professionista e vuoi unirti al network clicca qui.

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

Il trasferimento di residenza fiscale in uno stato con regime fiscale agevolato (noto anche come "Paesi black list") può comportare conseguenze importanti per quanto riguarda la tassazione dei redditi percepiti. Secondo l'articolo 2, comma 2-bis del Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR), i cittadini italiani che si trasferiscono in tali Paesi sono considerati residenti in Italia, a meno che non forniscano una prova contraria. Gli stati o territori aventi un regime fiscale privilegiato sono stati individuati con il decreto del Ministero delle finanze del 4 maggio 1999 e comprendono, tra gli altri, Andorra, Brunei, Monaco, San Marino, Seychelles e Svizzera. Se un soggetto espatriato non riesce a dimostrare che la sua residenza fiscale è stata trasferita all'estero, sarà soggetto alla tassazione italiana sui redditi percepiti in tutto il mondo. Inoltre, il trasferimento di residenza fiscale in uno di questi Paesi può essere oggetto di accertamento da parte delle autorità fiscali italiane.

Per dimostrare che la propria residenza fiscale è stata effettivamente trasferita all'estero, è necessario fornire una prova sufficiente che dimostri che la nuova residenza è effettiva e stabile. Tale prova può includere, ad esempio, la registrazione della propria abitazione presso le autorità locali, l'iscrizione dei figli a scuole locali, la sottoscrizione di contratti di lavoro o di affitto, l'apertura di un conto corrente bancario o l'acquisto di una proprietà immobiliare nel nuovo Paese di residenza. In caso di trasferimento di residenza fiscale in uno di questi Paesi, è importante tenere presente che sarà necessario fornire regolarmente questa prova alle autorità fiscali italiane, per dimostrare che la residenza fiscale è effettivamente stata trasferita all'estero. In caso contrario, si potrebbe essere soggetti alla tassazione italiana sui redditi percepiti in tutto il mondo. Inoltre, il trasferimento di residenza fiscale in uno di questi Paesi può essere oggetto di accertamento da parte delle autorità fiscali italiane, che potrebbero richiedere ulteriore documentazione per verificare che la residenza fiscale sia effettivamente stata trasferita all'estero.

***

Il trasferimento di residenza fiscale in uno stato con regime fiscale agevolato può comportare anche altre conseguenze fiscali. Ad esempio, potrebbe essere necessario presentare una dichiarazione dei redditi in entrambi gli stati in cui si ha residenza fiscale, per evitare il fenomeno della doppia imposizione. Inoltre, potrebbero esserci delle differenze nelle aliquote fiscali applicate ai redditi percepiti in uno stato rispetto all'altro, che potrebbero influire sull'ammontare delle imposte da pagare. È importante valutare attentamente tutti questi aspetti prima di effettuare il trasferimento di residenza fiscale in uno stato con regime fiscale agevolato, per assicurarsi di essere a conoscenza di tutte le conseguenze fiscali derivanti da tale scelta.

°°°

Il trasferimento di residenza fiscale in uno stato con regime fiscale agevolato può comportare anche altre conseguenze a livello pratico. Ad esempio, potrebbe essere necessario adottare misure per garantire la continuità delle proprie attività, come l'apertura di una sede secondaria o la sottoscrizione di contratti di rappresentanza con società locali. Inoltre, potrebbero esserci delle differenze nei requisiti per l'accesso ai servizi pubblici o ai benefici sociali tra i due stati, che potrebbero influire sulla qualità della vita del soggetto espatriato. È importante valutare attentamente tutti questi aspetti prima di effettuare il trasferimento di residenza fiscale in uno stato con regime fiscale agevolato, per assicurarsi di essere a conoscenza di tutte le conseguenze pratiche derivanti da tale scelta.

***

Inoltre, è importante considerare anche gli eventuali effetti del trasferimento di residenza fiscale sulla propria famiglia. Ad esempio, potrebbero esserci delle conseguenze a livello di diritti di custodia dei figli o di trasferimento delle pensioni.

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

Letto 299 volte
DLP