Scrivici per investire in una consulenza o videocorso compilando il Modulo contatti (CLICCA QUI)

 

Email Segretaria@networkdlp.it

 

 

Nullità della cartella dell'Agenzia delle Entrate per decadenza e prescrizione

Scritto da
Vota l'articolo!
(2 voti)

Hai ricevuto una cartella di pagamento? Ti chiedi se la cartella sia legittima, se devi pagare, se puoi impugnarla? In questo articolo cercherò di spiegarti il caso in cui una cartella è notificata oltre i termini (di decadenza o di prescrizione) e pertanto, si ha la possibilità di poter ricorrere ed in caso di vittoria non pagare quanto richiesto.

***

Prima di esaminare nel concreto il testo del contributo, se è la tua prima volta qui, ecco

ALCUNI DEI SERVIZI DEI PROFESSIONISTI

DEL NOSTRO NETWORK

DIPARTIMENTO TRIBUTARISTI

 Ti difendiamo da cartelle, avvisi di accertamento o verifiche fiscali, e combattiamo nel processo per farti ottenere l’annullamento o ti rappresentiamo per trovare un accordo con l'Agenzia delle Entrate e ridurre il debito;

 Ti aiutiamo, grazie agli strumenti della pianificazione internazionale: - a proteggere il tuo patrimonio, conti correnti, immobili, beni, e renderli "intoccabili", con trust, società estere od altri strumenti avanzati di protezione; - a ridurre o azzerare le tasse pianificando il trasferimento all'estero della tua impresa, attività e/o dei tuoi assets, aprendo società estere, o trasferendo la tua residenza fiscale all'estero, utilizzando tutti i paradisi fiscali a tuo vantaggio; - a creare un PIANO B, per tutelarti qualsiasi cosa accada in Europa, anche acquisendo molteplici permessi esteri di residenza permanente o di lungo periodo, o persino seconde cittadinanze;

DIPARTIMENTO PENALISTI

 Ti difendiamo e creiamo per te la strategia migliore per arrivare alla tua assoluzione totale.

DIPARTIMENTO CIVILISTI

 Ti aiutiamo a far valere le tue ragioni, e puoi affidarci il compito di scrivere e diffidare o “denunciare” - in qualità di tuoi avvocati - chi non ti ha pagato o chi ti sta recando un danno od un disagio.

Se sei un professionista e vuoi unirti al network clicca qui.

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

ATTENZIONE: RICORDA SEMPRE CHE LA PRESCRIZIONE NON SI APPLICA AUTOMATICAMENTE; in pratica non puoi far il calcolo degli anni e pensare che - dato che sono passati anni - ti puoi disinteressare del debito perché si è prescritto da solo; se fai così, ti ritroverai o ipoteche o pignoramenti del conto o blocchi del tuo autoveicolo e poi non potrai più far nulla dopo.

Infatti, anche nel tributario la prescrizione funziona come ogni altro processo, così come nel processo penale non puoi pretendere di non andare in carcere solo perché pensi che il reato sia prescritto ma ci vuole un processo per stabilirlo, così anche nel campo tributario, dove ci vuole un processo o un procedimento amministrativo ad hoc per rendere applicabile la prescrizione.

 

Acquista sempre un consulto con un avvocato per stabilire se la prescrizione è applicabile nel tuo caso e come farla valere.

***

Preciso fin da ora che questa che analizzeremo è solo una delle ipotesi che può rendere nulla una cartella, ma in realtà ci sono differenti casi e pertanto, se hai qualche dubbio, prima di pagare informati o chiedi l’assistenza di un avvocato tributarista che, nell'esaminarla, potrebbe accorgersi di altri errori che renderebbero nulla la cartella dandoti la possibilità di impugnarla.

Ricorda sempre che il tempo per proporre ricorso è limitato ed è opportuno intervenire il prima possibile.

D’altronde, l'Agenzia delle Entrate di Riscossione può sbagliare e pertanto, è sempre opportuno analizzare la cartella che ci viene inviata per verificare se quanto richiesto è legittimo.

Infatti, se ti è arrivata una cartella di pagamento di seguito trovi una “dritta” per evitare di pagare una cartella che, alla luce della legge, si mostra nulla.

La tua carta vincente potrebbe essere proprio il tempo, poichè se la notifica della cartella di pagamento è avvenuta oltre il tempo previsto dalla legge la somma richiesta non sarà più dovuta. Per essere legittima la notifica della cartella esattoriale deve rispettare i seguenti termini:

- quello di decadenza, ovvero l’intervallo di tempo che intercorre tra l’iscrizione a ruolo del debito e la notifica della cartella;

- quello di prescrizione, cioè l’intervallo di tempo che intercorrere tra la nascita del credito in capo all’amministrazione, che corrisponde all'anno in cui bisognava pagare il tributo, e la notifica della cartella.

Di conseguenza, se la cartella che ti è stata inviata non rispetta quanto sopra detto, si dice che è “fuori termine” ovvero che è intervenuta la decadenza o la prescrizione.

A tal proposito mi permetto di ricordarti che i termini di decadenza e di prescrizione delle cartelle sono differenti in base all'oggetto, e nella tabella seguente ti schematizzerò i termini ai quali fare riferimento per verificare la legittimità della cartella.

Inoltre, ricorda sempre che i termini possono variare perché nel frattempo è cambiata la norma di legge (ed in alcuni casi in virtù di orientamenti giurisprudenziali, che ad esempio in passato, per determinati tributi, hanno ritenuto, dopo un primo periodo in cui si sosteneva la prescrizione decennale, che la prescrizione intervenisse dopo solo 5 anni, dunque vale la pena sempre approfondire a prescindere dallo schema indicativo riportato di seguito):

Termini di decadenza

Irpef, Ires, Iva e Irap: la cartella deve essere notificata, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del:

- del 3° anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione se i controlli della dichiarazione dei redditi sono automatici;

- del 4° anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione se i  controlli sono formali;

- del 2° anno successivo a quello in cui l’accertamento è divenuto definitivo, per l'importo dovuto secondo gli accertamenti fiscali dell’Agenzia delle Entrate.

Bollo auto: notifica della cartella esattoriale entro 3 anni dall’iscrizione a ruolo del tributo; multe stradali: entro due anni dall’iscrizione a ruolo della sanzione.

Tributi locali, come per esempio Imu, la notifica deve avvenire entro il 31 dicembre del 3° anno successivo a quello in cui l’accertamento è divenuto definitivo.

Termini di prescrizione

- Irpef, Iva, Ires, Irap, imposta di registro, imposta di bollo, imposta catastale, imposta ipotecaria, canone rai: 10 anni;

- Bollo auto: 3 anni;

-  Tributi locali, contravvenzioni stradali, sanzioni amministrative, contributi previdenziali/assistenziali: 5 anni.

***

Per concludere, se hai ricevuto una cartella di pagamento oltre i termini ricordati di  accertarti di non avere mai ricevuto da parte della Regione o dall’Agenzia delle Entrate nessuna richiesta di pagamento, perché in quel caso è stata interrotta la prescrizione e i tre anni saranno contati nuovamente a partire dal giorno successivo.

 

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

Letto 23505 volte
DLP