Modulo contatti o via whatsapp (sms) 3791893087 

Omessa regolare comunicazione udienza. Violato il diritto di difesa del contribuente. Sentenza cassata in accoglimento del ricorso della società contribuente.

Scritto da
Vota l'articolo!
(0 voti)

Estratto: “nel processo tributario, la comunicazione della data di udienza, ai sensi dell'art. 31 del d.lgs n. 546 del 1992, applicabile anche ai giudizi di appello in relazione al richiamo operato dall'art. 61 del medesimo decreto, adempie ad un'essenziale funzione di garanzia del diritto di difesa e del principio del contraddittorio, sicché l'omessa comunicazione alle parti, almeno trenta giorni prima, dell'avviso di fissazione dell'udienza di discussione, determina la nullità della decisione comunque pronunciata“.

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it       

Per rimanere aggiornato iscriviti al nostro canale Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCwYYt0S4B1mOlNSbg7P584w?sub_confirmation=1

***

Per richiedere una consulenza a seguito del ricevimento di un questionario, invito al contraddittorio, invito a comparire o avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate, compila il modulo contatti che trovi nella pagina principale del nostro sito http://www.studiotributariodlp.it o nella pagina contatti.

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza, con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Per esaminare alcuni dei risultati (e delle sentenze) ottenuti per i nostri clienti nell’ultimo biennio clicca qui

***

Corte di Cassazione,  Sez. 5,

Ordinanza n. 25098 dell'8 ottobre 2019

Rilevato che:

con la sentenza impugnata, in parziale riforma della prima decisione, la C.T.R. della Puglia, in accoglimento dell'appello principale dell'Agenzia, respinto quello incidentale di I S.p.A., ha rigettato integralmente il ricorso proposto dalla contribuente avverso il provvedimento con il quale l'amministrazione aveva opposto diniego sia alla richiesta di ristoro dei costi della fideiussione prestata, ai sensi dell'art. 38 bis d.p.r. 26 ottobre 1972 n. 633, per ottenere il rimborso di un credito IVA 2006, sia alla richiesta di pagamento di maggiori interessi a causa del ritardo con il quale era stato effettuato il suddetto rimborso;

la contribuente ricorre per tre motivi, mentre l'ufficio resiste con controricorso;

la ricorrente deposita memoria.

Considerato che:

con il primo motivo, formulato con riferimento all'art. 360, comma 1, n. 4 c.p.c., la contribuente denuncia nullità della sentenza per violazione del contraddittorio (artt. 101 cod. proc. civ., 24 e 111 Cost.), per non aver ricevuto comunicazione della pubblica udienza fissata in grado d'appello, o comunque di non aver ricevuto tempestiva comunicazione della data della stessa, con la conseguenza di non aver potuto partecipare alla discussione, né esercitare il diritto di depositare memoria, in violazione degli artt. 16, 17 e 31 d.lgs. 31 dicembre 1992 n. 546;

all'esito del diretto controllo del fatto processuale, consentito alla Corte trattandosi di denuncia di error in procedendo, deve darsi atto che non risulta documentato che la comunicazione della fissazione della pubblica udienza in grado d'appello sia stata eseguita presso lo studio del difensore, la cui variazione era stata

invece correttamente notificata alla segreteria ai sensi dell'art. 17 d.lgs. n. 546 cit.;

ciò determina - in assenza di sanatoria conseguente alla partecipazione all'udienza di discussione, nella specie non avvenuta, come risulta dalla sentenza impugnata - la nullità della decisione, in base al consolidato principio secondo cui, nel processo tributario, la comunicazione della data di udienza, ai sensi dell'art. 31 del d.lgs n. 546 del 1992, applicabile anche ai giudizi di appello in relazione al richiamo operato dall'art. 61 del medesimo decreto, adempie ad un'essenziale funzione di garanzia del diritto di difesa e del principio del contraddittorio, sicché l'omessa comunicazione alle parti, almeno trenta giorni prima, dell'avviso di fissazione dell'udienza di discussione, determina la nullità della decisione comunque pronunciata (da ult., Cass. n. 18279 del 2018);

resta assorbita ogni altra censura; in accoglimento del primo motivo la sentenza va, dunque, cassata e la causa rinviata alla C.T.R. della Puglia, in diversa composizione, anche per le spese del presente giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il primo motivo di ricorso, assorbiti i restanti, cassa la sentenza impugnata e rinvia la causa, anche per le spese, alla Commissione tributaria regionale della Puglia, in diversa composizione.

Così deciso in Roma il 13 giugno 2019.

***

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it 

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza, con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Inoltre, anche grazie alle innovazioni del processo tributario telematico gli avvocati tributaristi di DLP Studio Tributario rappresentano ed assistono in giudizio contribuenti ed aziende in tutti i fori processuali d’Italia, attraverso la proposizione di ricorsi tributari nonché appelli e ricorsi per cassazione avverso sentenze sfavorevoli.

Letto 336 volte
DLP