Modulo contatti o via whatsapp (sms) 3791893087 

Emissione e utilizzo di false fatture: conseguenze penali. Le norme che prevedono il reato e le pene ivi stabilite

Scritto da
Vota l'articolo!
(1 Voto)

Si riporta un breve specchietto di sintesi con l'indicazione delle norme di legge che puniscono la dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti e la correlata emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti.

Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti

Profili penali – aspetti di sintesi

Reato punito dall’ordinamento italiano ai sensi dell’art. 2 del Decreto Legislativo n. 74 del 2000.

La competenza è del Tribunale ed il reato è procedibile d’ufficio.

È previsto l’arresto facoltativo in flagranza ed è consentito il fermo.

La pena prevista è la reclusione da un anno e 6 mesi a 6 anni.

Norma

L’art. 2 così prevede: “E' punito con la reclusione da un anno e sei mesi a sei anni chiunque, al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, avvalendosi di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, indica in una delle dichiarazioni relative a dette imposte elementi passivi fittizi. 2. Il fatto si considera commesso avvalendosi di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti quando tali fatture o documenti sono registrati nelle scritture contabili obbligatorie, o sono detenuti a fine di prova nei confronti dell'amministrazione finanziaria”.

***

Emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti.

Profili penali – aspetti di sintesi

Reato punito dall’ordinamento italiano ai sensi dell’art. 8 del Decreto Legislativo n. 74 del 2000.

La competenza è del Tribunale ed il reato è procedibile d’ufficio.

È previsto l’arresto facoltativo in flagranza ed è consentito il fermo.

La pena prevista è la reclusione da un anno e 6 mesi a 6 anni.

Norma

L’art. 8 così prevede: “E' punito con la reclusione da un anno e sei mesi a sei anni chiunque, al fine di consentire a terzi l'evasione delle imposte sui redditi o sul valore aggiunto, emette o rilascia fatture o altri documenti per operazioni inesistenti. 2. Ai fini dell'applicazione della disposizione prevista dal comma 1, l'emissione o il rilascio di più fatture o documenti per operazioni inesistenti nel corso del medesimo periodo di imposta si considera come un solo reato”.

I due tipi di false fatture

Cosa si intende per fatture emesse a fronte di “operazioni oggettivamente inesistenti”?

Si intende che, a parere dell’Agenzia delle Entrate, l’acquisto non è mai avvenuto od il servizio non è mai stato reso. Per converso, sempre a parere dell’Agenzia delle Entrate, il prezzo che figura in fattura non è mai stato corrisposto.

In questo caso secondo l’Agenzia delle Entrate la fattura sarebbe stata emessa per alzare i costi e, quindi, di conseguenza diminuire i redditi (su cui vengono calcolate le imposte).

Negli ultimissimi anni (2017 e 2018) uno dei metodi più comuni utilizzati dall’Agenzia delle Entrate per accertare l’emissione di fatture false (totalmente o parzialmente) è il c.d. spesometro.

Caso diverso è quello delle fatture emesse a fronte di operazioni soggettivamente inesistenti.

Cosa sono le operazioni soggettivamente inesistenti?

Sono operazioni che sono avvenute. Acquisti che sono effettivamente stati fatti o servizi che sono effettivamente stati prestati. Lo stesso prezzo o corrispettivo è stato effettivamente pagato. Tuttavia, le parti della transazione (ad esempio acquirente o venditore) sono diverse da quelle indicate nella fattura.

Un esempio di questa ipotesi l’abbiamo quando il venditore da cui il cliente ha acquistato ha rilasciato al cliente una fattura a nome di un altro (magari costituito proprio per emettere le fatture ma che non pagherà le proprie tasse o addirittura non presenterà la dichiarazione).

In questo caso la domanda che giunge spontanea è la seguente: è responsabile l’acquirente che non sapeva nulla?

Non lo è, ma in molti casi è necessario fare un processo per stabilirlo, difendere il contribuente da contestazioni infondate e far annullare l’avviso di accertamento da un giudice. 

***

Alcune importanti pronunce tributarie in materia di utilizzo di false fatture:

Commissione Tributaria Regionale della Lombardia, Sent. n. 1806/2017

http://www.studiotributariodlp.it/index.php/avvocato-tributarista/item/37-false-fatture-delega-invalida

Commissione Tributaria Regionale per la Lombardia, Sent. del 09/06/2017, n. 2581

http://www.studiotributariodlp.it/index.php/avvocato-tributarista/item/42-false-fatture-avviso-emesso-troppo-tardi-nullo

Corte di Cassazione, Ordinanza del 25/05/2017 n. 13239

http://www.studiotributariodlp.it/index.php/avvocato-tributarista/item/33-prova-fatture-soggettivamente-inesistenti

Corte di Cassazione, Sentenza 13 ottobre 2017, n. 24117

http://www.studiotributariodlp.it/index.php/avvocato-tributarista/item/41-consapevolezza-fatture-soggettivamente-false-si-puo-dedurre-egualmente

Corte di Cassazione, Ordinanza del 28/06/2016 n. 13366

http://www.studiotributariodlp.it/index.php/avvocato-tributarista/item/32-false-fatture-non-provate-da-dichiarazione

Corte di Cassazione, Ordinanza n. 20298 depositata il 31 luglio 2018

http://www.studiotributariodlp.it/index.php/avvocato-tributarista/item/109-fatture-false-soggettivamente-agenzia-entrate-deve-provare-consapevolezza

Letto 328 volte Last modified on Martedì, 13 Agosto 2019 10:37