Scrivici per investire in una consulenza o videocorso compilando il Modulo contatti (CLICCA QUI)

 

Email Segretaria@networkdlp.it

 

 

Medico convenzionato con SSN, con una dipendente, non deve pagare l’IRAP. La Cassazione respinge il ricorso dell’Agenzia delle Entrate

Scritto da
Vota l'articolo!
(2 voti)

Estratto: “l'avere il professionista impiegato part-time alle proprie dipendenze un'unica collaboratrice con mansioni di segretaria non costituisce, infatti, circostanza dì per sé sufficiente ad integrare il requisito dell'autonoma organizzazione, quale presupposto impositivo del tributo in esame”.

***

Prima di esaminare nel concreto il testo del contributo, se è la tua prima volta qui, ecco

ALCUNI DEI SERVIZI DEI PROFESSIONISTI

DEL NOSTRO NETWORK

DIPARTIMENTO TRIBUTARISTI

 Ti difendiamo da cartelle, avvisi di accertamento o verifiche fiscali, e combattiamo nel processo per farti ottenere l’annullamento o ti rappresentiamo per trovare un accordo con l'Agenzia delle Entrate e ridurre il debito;

 Ti aiutiamo, grazie agli strumenti della pianificazione internazionale: - a proteggere il tuo patrimonio, conti correnti, immobili, beni, e renderli "intoccabili", con trust, società estere od altri strumenti avanzati di protezione; - a ridurre o azzerare le tasse pianificando il trasferimento all'estero della tua impresa, attività e/o dei tuoi assets, aprendo società estere, o trasferendo la tua residenza fiscale all'estero, utilizzando tutti i paradisi fiscali a tuo vantaggio; - a creare un PIANO B, per tutelarti qualsiasi cosa accada in Europa, anche acquisendo molteplici permessi esteri di residenza permanente o di lungo periodo, o persino seconde cittadinanze;

DIPARTIMENTO PENALISTI

 Ti difendiamo e creiamo per te la strategia migliore per arrivare alla tua assoluzione totale.

DIPARTIMENTO CIVILISTI

 Ti aiutiamo a far valere le tue ragioni, e puoi affidarci il compito di scrivere e diffidare o “denunciare” - in qualità di tuoi avvocati - chi non ti ha pagato o chi ti sta recando un danno od un disagio.

Se sei un professionista e vuoi unirti al network clicca qui.

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

Corte di Cassazione, Sez. V,

Ordinanza n. 1349 del 18 gennaio 2019

RILEVATO CHE

l'Agenzia delle Entrate ricorre per la cassazione della sentenza indicata in epigrafe, con cui la Commissione Tributaria Regionale della Campania aveva respinto l'appello avverso la sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Avellino n. 238/06/2008, che aveva accolto il ricorso di G. avverso avvisi di accertamento IRAP per le annualità 2001 2002 2003 2004 2005; l'Ufficio finanziario ha proposto ricorso per cassazione, affidato ad unico motivo lamentando, ai sensi dell'art. 360, n. 3, c.p.c. «violazione e falsa applicazione dell'art. 3, comma 144, L. 662/96, dell'art. 2, comma 1, D.Lgs. 15/12/1997, n. 446»; il contribuente è rimasto intimato

CONSIDERATO CHE

1.1. l'Agenzia ricorrente lamenta che i giudici di merito avrebbero violato le norme citate in premessa, ritenendo la CTR che «la presenza di una struttura e di dipendenti non occasionali non sarebbe comunque sufficiente a dimostrare l'autonomia organizzativa ...(in quanto)... i casi di sussistenza del presupposto impositivo si riducono a poche e marginali ipotesi nelle quali l'organizzazione dell'attività assume una tale preponderanza da rendere indifferente per il fruitore che la prestazione sia resa da quel singolo professionista (il titolare dello studio) o da altri>>;

1.2. la CTR, nella sentenza impugnata, ha invero escluso la sussistenza dell'autonoma organizzazione nella attività svolta dal contribuente sul presupposto che «l'attività di "medico di base" convenzionato con il S.S.N.» non può esercitarsi a prescindere dall'apporto personale del professionista, che al contrario di tale attività ne è l'anima indispensabile ed imprescindibile» e «la presenza di una sola dipendente (part-time), il cui compito precipuo era di rispondere al telefono durante le tre ore di studio pomeridiane, non può costituire, di per sé, un elemento tale da concretizzare il presupposto di autonoma organizzazione»;

1.3. questa Corte, a Sezioni Unite (cfr. sent. n. 9451/2016; conf. Cass., n. 25241/2017), ha affermato con riguardo al presupposto dell'IRAP, che il requisito dell'autonoma organizzazione - previsto dall'art. 2 del d.lgs. 15 settembre 1997, n. 446 -, il cui accertamento spetta al giudice di merito ed è insindacabile in sede di legittimità se congruamente motivato, ricorre quando il contribuente; a) sia, sotto qualsiasi forma, il responsabile dell'organizzazione e non sia, quindi, inserito in strutture organizzative riferibili ad altrui responsabilità ed interesse; b) impieghi beni strumentali eccedenti, secondo l'id quod plerumque accidit, il minimo indispensabile per l'esercizio dell'attività in assenza di organizzazione, oppure si avvalga in modo non occasionale di lavoro altrui che superi la soglia dell'impiego di un collaboratore che esplichi mansioni di segreteria ovvero meramente esecutive;

1.4. le conclusioni alle quali è pervenuta la decisione impugnata, non oggetto, peraltro, di censura per vizio di motivazione nei limiti di quanto consentito dall'attuale formulazione dell'art. 360, 1° comma, n, 5 c.p.c., sono, pertanto, in linea con il principio di diritto enunciato;

1.5. l'avere il professionista impiegato part-time alle proprie dipendenze un'unica collaboratrice con mansioni di segretaria non costituisce, infatti, circostanza dì per sé sufficiente ad integrare il requisito dell'autonoma organizzazione, quale presupposto impositivo del tributo in esame;

2. il ricorso va pertanto rigettato;

3. nulla va statuito in ordine alle spese di lite, non avendo l'intimato svolto difese

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Corte di Cassazione.

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

Letto 1968 volte
DLP