Scrivici per investire in una consulenza o videocorso compilando il Modulo contatti (CLICCA QUI)

 

Email Segretaria@networkdlp.it

 

 

Irap: non è dovuta se il professionista pagava un dipendente e colleghi per la propria sostituzione nei periodi di assenza. Agenzia delle entrate condannata ad operare il rimborso.

Scritto da
Vota l'articolo!
(4 voti)

Estratto: “l'attività professionale veniva svolta con l'ausilio di un solo collaboratore con funzione di segreteria e, quindi, con mansioni esecutive e attraverso la sostituzione di colleghi del ricorrente per i periodi di assenza” “il dipendente (che era una segretaria) percepiva una retribuzione compatibile con lo svolgimento di mansioni esecutive part time, mentre i compensi corrisposti a terzi, erano relativi a sostituzioni per malattia c/o ferie e costituivano la garanzia della continuità del servizio pubblico e in alcun modo erano rilevanti ai fini del presupposto impositivo (Cass. ord. n. 20088/16). Va, conseguentemente accolto il ricorso, cassata senza rinvio l'impugnata sentenza e, non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, ex art. 384 c.p.c., accolto l'originario ricorso”.

***

Prima di esaminare nel concreto il testo del contributo, se è la tua prima volta qui, ecco

ALCUNI DEI SERVIZI DEI PROFESSIONISTI

DEL NOSTRO NETWORK

DIPARTIMENTO TRIBUTARISTI

 Ti difendiamo da cartelle, avvisi di accertamento o verifiche fiscali, e combattiamo nel processo per farti ottenere l’annullamento o ti rappresentiamo per trovare un accordo con l'Agenzia delle Entrate e ridurre il debito;

 Ti aiutiamo, grazie agli strumenti della pianificazione internazionale: - a proteggere il tuo patrimonio, conti correnti, immobili, beni, e renderli "intoccabili", con trust, società estere od altri strumenti avanzati di protezione; - a ridurre o azzerare le tasse pianificando il trasferimento all'estero della tua impresa, attività e/o dei tuoi assets, aprendo società estere, o trasferendo la tua residenza fiscale all'estero, utilizzando tutti i paradisi fiscali a tuo vantaggio; - a creare un PIANO B, per tutelarti qualsiasi cosa accada in Europa, anche acquisendo molteplici permessi esteri di residenza permanente o di lungo periodo, o persino seconde cittadinanze;

DIPARTIMENTO PENALISTI

 Ti difendiamo e creiamo per te la strategia migliore per arrivare alla tua assoluzione totale.

DIPARTIMENTO CIVILISTI

 Ti aiutiamo a far valere le tue ragioni, e puoi affidarci il compito di scrivere e diffidare o “denunciare” - in qualità di tuoi avvocati - chi non ti ha pagato o chi ti sta recando un danno od un disagio.

Se sei un professionista e vuoi unirti al network clicca qui.

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

Corte di Cassazione, Sez. 6

Ordinanza n. 3322 del 05 febbraio 2019

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con ricorso in Cassazione affidato a due motivi, nei cui confronti l'Agenzia delle Entrate non ha spiccato difese scritte, il ricorrente impugna la sentenza della CTR della Puglia, sezione di Lecce, relativa al diniego di rimborso Irap serbato dall'amministrazione relativamente agli anni 2008-2011. Il ricorrente deduce, con un primo motivo, la violazione dell'art. 2 comma 1 e 3 lett. c) del d.lgs. n. 446/97, in relazione all'art. 360 primo comma n. 3 c.p.c., in quanto, i giudici d'appello, in violazione delle norme di cui alla rubrica avrebbero ritenuto sussistere il requisito dell'autonoma organizzazione, benché nel corso delle prenesse fasi di merito emergesse che l'attività professionale veniva svolta con l'ausilio di un solo collaboratore con funzione di segreteria e, quindi, con mansioni esecutive e attraverso la sostituzione di colleghi del ricorrente per i periodi di assenza. Con un secondo motivo, il ricorrente deduce il vizio di violazione degli arti. 112, 116, 132 n. 4 c.p.c. e 118 commi 1 e 2 disp. att. c.p.c., in relazione all'art. 360 primo comma n. 5 c.p.c., in quanto, i giudici d'appello avrebbero omesso di verificare se le prestazioni del dipendente o dei terzi, oggetto dei compensi rilevati, avessero o meno il carattere della occasionalità e della continuatività, e se superassero o meno la soglia fissata dalla S.C.

I due motivi di ricorso, che possono essere oggetto di un esame congiunto, perché connessi, sono manifestamente fondati. Secondo la giurisprudenza di questa Corte il requisito della autonoma organizzazione non ricorre quando il contribuente responsabile dell'organizzazione impieghi beni strumentali non eccedenti il minimo indispensabile all'esercizio dell'attività e si avvalga di lavoro altrui non eccedente l'impiego di un dipendente con mansioni esecutive (Cass. sez. un, n, 9451 del 2016, Cass. n. 13405 del 2016, 18881/16, ord. n, 889/17). Nel caso di specie, i giudici d'appello si sono discostati dai superiori principi regolatori della materia, in quanto, il dipendente (che era una segretaria) percepiva una retribuzione compatibile con lo svolgimento di mansioni esecutive part time, mentre i compensi corrisposti a terzi, erano relativi a sostituzioni per malattia c/o ferie e costituivano la garanzia della continuità del servizio pubblico e in alcun modo erano rilevanti ai fini del presupposto impositivo (Cass. ord. n. 20088/16). Va, conseguentemente accolto il ricorso, cassata senza rinvio l'impugnata sentenza e, non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, ex art. 384 c.p.c., accolto l'originario ricorso introduttivo. Le spese di lite seguono la soccombenza e sono liquidate come in dispositivo.

PQM LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Accoglie il ricorso, cassa l'impugnata sentenza e, decidendo nel merito, accoglie il ricorso introduttivo della contribuente. Condanna l'Agenzia delle Entrate, in persona del Direttore in carica a pagare a S. le spese di lite del presente giudizio che liquida nell'importo di C 2.300,00, oltre C 200,00 per esborsi, oltre il 15% per spese generali, oltre accessori di legge. Così deciso in Roma, alla camera di consiglio del giorno 7.11.2018.

 

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

Letto 1530 volte
DLP