Modulo contatti o via whatsapp (sms) 3791893087 

Il ricorso si può proporre anche contro la comunicazione di irregolarità emessa in esito a controllo automatizzato. Accolto il ricorso del contribuente.

Scritto da
Vota l'articolo!
(1 Voto)

Estratto: “In tema di contenzioso tributario, l'elencazione degli atti impugnabili contenuta nell'art. 19 del d.lgs. n. 546 del 1992 ha natura tassativa, ma, in ragione dei princìpi costituzionali di tutela del contribuente e di buon andamento della P.A., ogni atto adottato dall'ente impositore che porti, comunque, a conoscenza del contribuente una specifica pretesa tributaria, con esplicitazione delle concrete ragioni fattuali e giuridiche, è impugnabile davanti al giudice tributario, senza necessità che si manifesti in forma autoritativa, con la conseguenza che è immediatamente impugnabile dal contribuente anche la comunicazione d'irregolarità, ex art. 36-bis, comma 3, del d.P.R. n. 600 del 1973 (cd. avviso bonario)”.

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it 

***

Per richiedere una consulenza a seguito del ricevimento di un questionario, invito al contraddittorio, invito a comparire o avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate, compila il modulo contatti che trovi nella pagina principale del nostro sito http://www.studiotributariodlp.it o nella pagina contatti.

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza (su Roma e tutti i principali fori d'Italia), con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Per esaminare alcuni dei risultati (e delle sentenze) ottenuti per i nostri clienti nell’ultimo biennio clicca qui

***

Corte di Cassazione, Sez. 5

Sentenza n. 12133 dell’8 maggio 2019

FATTI DI CAUSA

1. U. Sri impugnò innanzi alla CTP di Roma la comunicazione d'irregolarità emessa dall'Agenzia delle entrate all'esito del controllo automatizzato, ex art. 36-bis, terzo comma, del d.P.R. n. 600/1973, del modello Unico 2006, per il periodo d'imposta 2005, ai fini dell'applicazione della sanzione per il tardivo versamento dell'IRAP.

2. La CTP, con sentenza n. 503/17/2009, dichiarò inammissibile il ricorso perché proposto avverso un atto non impugnabile.

3. Sul gravame della contribuente, la CTR del Lazio, con la sentenza in epigrafe, ha confermato la pronuncia di primo grado, ritenendo che la comunicazione d'irregolarità non sia un atto autonomamente impugnabile in quanto non esprime una pretesa impositiva dell'Amministrazione finanziaria, compiuta e incondizionata.

4. La contribuente ricorre, per due motivi, per la cassazione di questa sentenza della CTR, mentre l'Agenzia delle entrate resiste con atto di costituzione, ai sensi dell'art. 370, primo comma, cod. proc. civ..

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo del ricorso, denunciando: «violazione e/o falsa applicazione dell'art. 19 del d.lgs. n. 546/1992 (in relazione all'art. 360, comma 1, n. 4 c.p.c.).», la ricorrente censura la sentenza impugnata, che avrebbe erroneamente escluso l'autonoma impugnabilità della comunicazione d'irregolarità.

1.1. Il motivo è fondato.

In tema di contenzioso tributario, l'elencazione degli atti impugnabili contenuta nell'art. 19 del d.lgs. n. 546 del 1992 ha natura tassativa, ma, in ragione dei princìpi costituzionali di tutela del contribuente e di buon andamento della P.A., ogni atto adottato dall'ente impositore che porti, comunque, a conoscenza del contribuente una specifica pretesa tributaria, con esplicitazione delle concrete ragioni fattuali e giuridiche, è impugnabile davanti al giudice tributario, senza necessità che si manifesti in forma autoritativa, con la conseguenza che è immediatamente impugnabile dal contribuente anche la comunicazione d'irregolarità, ex art. 36-bis, comma 3, del d.P.R. n. 600 del 1973 (cd. avviso bonario) (Cass. 19/02/2016, n. 3315; in senso conforme: Cass. 11/05/2012, n. 7344). Nel caso di specie, ha errato la CTR nel discostarsi da tale principio di diritto.

2. Con il secondo motivo, sotto la rubrica: «Questione di legittimità costituzionale relativa all'art. 1, comma 3, d.l. n. 106/2005, in relazione all'art. 3 Cost.», la ricorrente sollecita questa Corte a decidere nel merito la causa, in caso di accoglimento del primo motivo, e eccepisce l'incostituzionalità del detto art. 1, comma 3, applicato dall'Amministrazione finanziaria, in sede di calcolo delle sanzioni dovute dalla società in conseguenza del tardivo versamento dell'IRAP, per l'annualità 2005.

2.1. Il motivo è assorbito per effetto dell'accoglimento di quello che precede.

3. Ne consegue che, accolto il primo motivo e assorbito il secondo, la sentenza impugnata è cassata, con rinvio alla CTR del Lazio, in diversa composizione che valuterà, se lo ritiene, anche la questione di legittimità costituzionale sollevata dalla contribuente e provvederà altresì sulle spese del giudizio di legittimità.

PQM

la Corte accoglie il primo motivo del ricorso, dichiara assorbito il secondo, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Commissione tributaria regionale del Lazio, in diversa composizione, alla quale demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità. Così deciso in Roma, il 9 aprile 2019

***

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it 

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza (su Roma e tutti i principali fori d'Italia), con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Inoltre, anche grazie alle innovazioni del processo tributario telematico DLP Studio Tributario - e gli avvocati Francesco L. De Luca e Federico Pau - rappresentano ed assistono in giudizio contribuenti ed aziende in tutti i fori processuali d’Italia, attraverso la proposizione di ricorsi tributari nonché appelli e ricorsi per cassazione avverso sentenze sfavorevoli.

 

Letto 97 volte Last modified on Martedì, 13 Agosto 2019 07:29
DLP