Modulo contatti o via whatsapp (sms) 3791893087 

Errori nella dichiarazione doganale. Il legale rappresentante non è responsabile solamente in quanto tale. Confermata la motivazione della sentenza che ha annullato l’avviso emesso dall’Agenzia delle Dogane.

Scritto da
Vota l'articolo!
(0 voti)

Estratto: “nella vicenda in esame il fatto storico è costituito dall'esistenza del potere di gestione del consiglio di amministrazione della società da parte del contribuente e dei relativi poteri che ne derivavano rispetto alla fornitura di dati erronei poi confluiti nelle dichiarazioni doganali; - tale fatto, peraltro, è stato espressamente considerato dalla CTR che sul punto ha motivato che l'Ufficio «non ha fornito alcuna prova che dia atto che il sig. R. abbia trasmesso i dati poi risultati sbagliati o che avrebbe dovuto sapere della loro erroneità, posto che nell'ambito societario non è compito del rappresentante legale fornire i dati per la compilazione delle dichiarazioni in dogana”.

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it 

***

Per richiedere una consulenza a seguito del ricevimento di un questionario, invito al contraddittorio, invito a comparire o avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate, compila il modulo contatti che trovi nella pagina principale del nostro sito http://www.studiotributariodlp.it o nella pagina contatti.

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza, con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Per esaminare alcuni dei risultati (e delle sentenze) ottenuti per i nostri clienti nell’ultimo biennio clicca qui

***

Corte di Cassazione, Sez. 5

Ordinanza n. 15639 dell’11 giugno 2019

RILEVATO CHE

- l'Agenzia delle dogane contestava a R., quale responsabile solidale nella qualità di legale rappresentante della società I. Srl, la non corretta dichiarazione della merce importata per gli anni 2009 e 2010 (parti metalliche di biciclette), sottratta all'applicazione del dazio antidumping, ed emetteva avvisi di accertamento per il recupero del cd. dazio esteso e della maggiore Iva;

- il contribuente, in particolare, lamentava la nullità degli avvisi per mancanza di motivazione, l'inesistenza di una obbligazione solidale a suo carico e, comunque, l'infondatezza della pretesa;

- l'impugnazione, rigettata dal giudice di primo grado, era accolta dalla CTR della Lombardia;

- l'Agenzia delle dogane ricorre per cassazione con un motivo, cui resiste il contribuente con controricorso;

CONSIDERATO CHE

va esaminata, preliminarmente, l'eccezione di giudicato interno in relazione alla dedotta declaratoria, da parte della CTR, della nullità degli atti per vizio di motivazione, che è infondata; - la sentenza impugnata, infatti, si limita a rilevare, dapprima, che «il fatto che sia stata fatta segnalazione ... alla Procura della Repubblica non implica automaticamente che vi sia colpevolezza e che quindi siano legittimi gli atti impugnati» per precisare, poi, che delle asserite segnalazioni alla Procura della Repubblica per il reato di contrabbando manca ogni riferimento negli avvisi di accertamento, univocamente incentrati sull'art. 201 CDC; - reputa, inoltre, che tale richiamo, rispetto alle asserite violazioni penali, non fosse «di per sé sufficiente a rendere legittimo l'atto notificato, mancando di una chiara motivazione che consenta al contribuente di difendersi adeguatamente», concludendo, peraltro, che «soprattutto» mancava «quella prova di conoscenza dei dati inseriti in dichiarazione di cui all'articolo stesso»; - non vi è, dunque, una statuizione di nullità degli avvisi di accertamento, ma, più semplicemente, una ricognizione della contestazione operata e dei fatti effettivamente a fondamento della stessa, seguita da una valutazione di infondatezza della pretesa;

- l'unico motivo di ricorso denuncia, ai sensi dell'art. 360 n. 5 c.p.c., omesso esame circa un fatto decisivo oggetto di discussione tra le parti, identificato nella gestione da parte del contribuente, in qualità di presidente del consiglio di amministrazione, della società "impartendo le direttive necessarie per il raggiungimento dell'oggetto sociale, coordinando, altresì, l'attività dell'ufficio Commerciale"; - il motivo è infondato; - occorre premettere che, in relazione al nuovo testo dell'art. 360, primo comma, n. 5 c.p.c., secondo l'insegnamento delle Sezioni Unite (Sez. U, n. 8053 del 07/04/2014), l'omesso esame di elementi istruttori non integra di per sé vizio di omesso esame di un fatto decisivo, se il fatto storico rilevante in causa sia stato comunque preso in considerazione dal giudice, benché la sentenza non abbia dato conto di tutte le risultanze probatorie; la parte ricorrente è tenuta ad indicare - nel rigoroso rispetto delle previsioni di cui all'art. 366, primo comma, n. 6, c.p.c., e art. 369, secondo comma, n. 4, c.p.c. - il "fatto storico", il cui esame sia stato omesso, il "dato", testuale o extratestuale, da cui ne risulti l'esistenza, il "come" e il "quando" (nel quadro processuale) tale fatto sia stato oggetto di discussione tra le parti, e la "decisività" del fatto stesso; - orbene, nella vicenda in esame il fatto storico è costituito dall'esistenza del potere di gestione del consiglio di amministrazione della società da parte del contribuente e dei relativi poteri che ne derivavano rispetto alla fornitura di dati erronei poi confluiti nelle dichiarazioni doganali; - tale fatto, peraltro, è stato espressamente considerato dalla CTR che sul punto ha motivato che l'Ufficio «non ha fornito alcuna prova che dia atto che il sig. R. abbia trasmesso i dati poi risultati sbagliati o che avrebbe dovuto sapere della loro erroneità, posto che nell'ambito societario non è compito del rappresentante legale fornire i dati per la compilazione delle dichiarazioni in dogana»;

- gli elementi dedotti, inoltre, sono carenti di decisività atteso che, come risulta dall'Allegato al pvc riprodotto per autosufficienza, la documentazione invocata si limita a precisare che «il Presidente del Consiglio di Amministrazione ... impartisce le direttive unitamente al Consiglio di amministrazione» e, inoltre, che «l'attività dell'Ufficio Commerciale è coordinata dal Presidente del Consiglio di Amministrazione che si avvale dell'ausilio ... di dipendenti con proprie mansioni» e, dunque, è del tutto generica, sicché non incide sull'affermata carenza di prova, ma si limita, suggestivamente, a non condividere il percorso motivazionale adottato dal giudice di merito sulla base del materiale probatorio disponibile e a sollecitare una nuova valutazione delle risultanze di fatto; - il ricorso va pertanto rigettato e le spese liquidate, come in dispositivo, per soccombenza; - non sussistono i presupposti per il raddoppio del contributo unificato ex art. 13, comma 1 quater, d.P.R. n. 115/2002 nei confronti dell'Agenzia delle dogane in quanto Amministrazione dello Stato che opera con il meccanismo della prenotazione a debito;

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Condanna l'Agenzia delle dogane al pagamento delle spese a favore del ricorrente, che liquida in complessivi € 5.000,00, oltre 15% per spese generali ed accessori di legge. Deciso in Roma, nell'adunanza camerale del 22 gennaio 2019.

***

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it 

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza, con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti 

Inoltre, anche grazie alle innovazioni del processo tributario telematico DLP Studio Tributario - e gli avvocati Francesco L. De Luca e Federico Pau - rappresentano ed assistono in giudizio contribuenti ed aziende in tutti i fori processuali d’Italia, attraverso la proposizione di ricorsi tributari nonché appelli e ricorsi per cassazione avverso sentenze sfavorevoli.

Letto 133 volte Last modified on Martedì, 13 Agosto 2019 00:55
DLP