Modulo contatti o via whatsapp (sms) 3791893087 

Acquisti immobiliari e due auto: i denari possono provenire dai familiari. Corretta la sentenza di annullamento della CTR. Rigettato il ricorso per Cassazione dell’Agenzia delle Entrate

Scritto da
Vota l'articolo!
(0 voti)

Estratto: “il motivo è inammissibile dove si concreta in una riedizione del giudizio di merito, mentre deve considerarsi infondato se intende scalfire l'argomentazione della sentenza gravata, il cui percorso argomentativo è ben lontano dai confini di palese illogicità, incomprensibilità e contraddittorietà, solo entro i quali può intervenire il sindacato demolitorio di questo Giudice di legittimità; che, nel particolare, la corte di merito ha tenuto conto dei diversi anni di provenienza, cioè a dire della sequenza diacronica delle dazioni e dei disinvestimenti con cui la contribuente e la sua famiglia hanno recuperato e concentrato le proprie ricchezze al fine di quello sforzo economico straordinario che è l'acquisto della casa di proprietà anche nell'interesse dei figli”.

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it

***

Per richiedere una consulenza a seguito del ricevimento di un questionario, invito al contraddittorio, invito a comparire o avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate, compila il modulo contatti che trovi nella pagina principale del nostro sito http://www.studiotributariodlp.it o nella pagina contatti.

Per esaminare alcuni dei risultati (e delle sentenze) ottenuti per i nostri clienti nell’ultimo biennio clicca qui

***

Corte di Cassazione, Sez. V

Ordinanza n. 23717 dell’1 ottobre 2018

RILEVATO

che la contribuente insorgeva avverso l'avviso di accertamento sintetico di maggior reddito per l'anno 1999;

che l'Ufficio era arrivato a tale conclusione in ragione degli acquisti immobiliari effettuati nel periodo, nonché per la disponibilità di due autoveicoli;

che la CTP dichiarava inammissibile il ricorso della contribuente, determinatasi quindi ad interporre appello, accolto dalla CTR;

che la CTR valorizzava la documentazione prodotta nel corso del giudizio dal nuovo difensore, articolata su disponibilità del marito, E.R., quali documentati accantonamenti del suo lavoro di emigrante, sia disinvestimenti documentati di altri risparmi, sia provenienti da buoni fruttiferi postali, sia da disponibilità di conto, da dazioni dei suoceri, come liberalità dei nonni ai nipoti per il sostegno all'acquisto immobiliare;

che insorge l'Avvocatura affidandosi ad un unico motivo di gravame;

che non si è costituita la contribuente;

CONSIDERATO

che con l'unico motivo la difesa erariale lamenta insufficiente motivazione circa un punto controverso e decisivo per il giudizio, in parametro all'art. 360, comma primo, n. 5 del cod. proc. civ.;

che, in particolare, l'Ufficio lamenta che le giustificazioni rese dalla contribuente e dai suoi familiari non coprano la disponibilità economica indicata in accertamento, poiché non viene raggiunto l'ammontare indicato in accertamento nemmeno sommando le cifre dimostrate come accantonate dal coniuge o ricevute dai suoceri nell'interesse dei propri figli, sicché non sarebbe superata nel concreto la presunzione del fisco per la ripresa a tassazione;

che, nella sostanza, parte ricorrente propone -sotto il titolo di "incongruenze"- quattro paragrafi tematici di raffronti contabili fra cespiti ritenuti documentati ed altri meno, ricavandone presunzioni su percorsi e date di transito delle ricchezze della contribuente e della sua famiglia allargata;

che il motivo è inammissibile dove si concreta in una riedizione del giudizio di merito, mentre deve considerarsi infondato se intende scalfire l'argomentazione della sentenza gravata, il cui percorso argomentativo è ben lontano dai confini di palese illogicità, incomprensibilità e contraddittorietà, solo entro i quali può intervenire il sindacato demolitorio di questo Giudice di legittimità;

che, nel particolare, la corte di merito ha tenuto conto dei diversi anni di provenienza, cioè a dire della sequenza diacronica delle dazioni e dei disinvestimenti con cui la contribuente e la sua famiglia hanno recuperato e concentrato le proprie ricchezze al fine di quello sforzo economico straordinario che è l'acquisto della casa di proprietà anche nell'interesse dei figli;

che non meritano apprezzamento le censure erariali mosse ai giudici di merito in ordine alla motivazione sulle spese delle autovetture, in realtà due utilitarie acquistate di seconda mano, una delle quali già con undici anni di vita quando è entrata nella disponibilità della contribuente;

che il ricorso è quindi infondato e la sentenza impugnata dev'essere confermata;

che non essendo stata svolta attività difensiva da parte della contribuente non vi è luogo a pronunciare sulle spese del giudizio.

PQM

Rigetta il ricorso; nulla sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 17/07/2018

***

Torna alla Pagina Principale: http://www.studiotributariodlp.it

DLP Studio Tributario collabora, anche a distanza (su Roma e tutti i principali fori d'Italia), con dottori commercialisti e studi legali per la gestione congiunta di contenziosi tributari ovvero consulenze strategiche su singole praticheOve anche il Vostro studio fosse interessato ad una collaborazione o ad un nostro parere su singoli contenziosi tributari, instaurati o da instaurare, può contattarci attraverso l'apposito modulo: http://www.studiotributariodlp.it/index.php/contatti

Inoltre, anche grazie alle innovazioni del processo tributario telematico DLP Studio Tributario - e gli avvocati Francesco L. De Luca e Federico Pau - rappresentano ed assistono in giudizio contribuenti ed aziende in tutti i fori processuali d’Italia, attraverso la proposizione di ricorsi tributari nonché appelli e ricorsi per cassazione avverso sentenze sfavorevoli. 

Letto 304 volte Last modified on Martedì, 13 Agosto 2019 10:40