Scrivici per investire in una consulenza o videocorso compilando il Modulo contatti (CLICCA QUI)

 

Email Segretaria@networkdlp.it

 

 

Il giudice non può limitarsi a ridurre le richieste dell’Agenzia delle Entrate con criteri equitativi, ma, deve indicare i criteri seguiti a giustificazione solamente della riduzione (piuttosto che dell'annullamento totale). Ricorso accolto

Scritto da
Vota l'articolo!
(1 Voto)

Estratto: “Nel caso di specie il giudice tributario, riconosciuta l'incongruenza dell'accertamento dell'Ufficio, non offre tuttavia alcuna verificabile motivazione riguardo ai criteri ed alle ragioni che lo inducono a ridurre ad € 2.000,00 il ricavo presunto di ciascun servizio funebre facendo mero ricorso all'equità, ed in tali limiti - dovendosi escludere la sussistenza di qualsivoglia potere equitativo (da ultimo Cass. 10656/09) - il ricorso va accolto”.

***

Prima di esaminare nel concreto il testo del contributo, se è la tua prima volta qui, ecco

ALCUNI DEI SERVIZI DEI PROFESSIONISTI

DEL NOSTRO NETWORK

DIPARTIMENTO TRIBUTARISTI

 Ti difendiamo da cartelle, avvisi di accertamento o verifiche fiscali, e combattiamo nel processo per farti ottenere l’annullamento o ti rappresentiamo per trovare un accordo con l'Agenzia delle Entrate e ridurre il debito;

 Ti aiutiamo, grazie agli strumenti della pianificazione internazionale: - a proteggere il tuo patrimonio, conti correnti, immobili, beni, e renderli "intoccabili", con trust, società estere od altri strumenti avanzati di protezione; - a ridurre o azzerare le tasse pianificando il trasferimento all'estero della tua impresa, attività e/o dei tuoi assets, aprendo società estere, o trasferendo la tua residenza fiscale all'estero, utilizzando tutti i paradisi fiscali a tuo vantaggio; - a creare un PIANO B, per tutelarti qualsiasi cosa accada in Europa, anche acquisendo molteplici permessi esteri di residenza permanente o di lungo periodo, o persino seconde cittadinanze;

DIPARTIMENTO PENALISTI

 Ti difendiamo e creiamo per te la strategia migliore per arrivare alla tua assoluzione totale.

DIPARTIMENTO CIVILISTI

 Ti aiutiamo a far valere le tue ragioni, e puoi affidarci il compito di scrivere e diffidare o “denunciare” - in qualità di tuoi avvocati - chi non ti ha pagato o chi ti sta recando un danno od un disagio.

Se sei un professionista e vuoi unirti al network clicca qui.

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

Corte di Cassazione, Sez. 5

Sentenza n. 18373 del 9 luglio 2019

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza n. 153/50/13 pubblicata il 19 aprile 2013 la Commissione Tributaria Regionale della Campania ha rigettato l'appello proposto da MM, MS, MM e MS nella qualità di eredi di MN avverso la sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Napoli n. 289/3/11 pubblicata il 18 settembre 2011 con la quale era stato accolto solo parzialmente il ricorso proposto dai medesimi M. avverso l'avviso di accertamento n. XXX emesso nei loro confronti dall'Agenzia delle Entrate e relativo ad IRES ed IRPEF per l'anno 2006 in relazione all'attività di impresa di onoranze funebri già esercitata dal defunto genitore dei ricorrenti. L'ufficio aveva proceduto alla determinazione induttiva del reddito ai sensi dell'art. 39, comma 1 lett. c) e d) del d.P.R. 600 del 1973, rilevando l'omessa fatturazione di tre servizi funebri e la sottofatturazione di altri ad € 1.768,00 a fronte di € 2.200,00 mediamente praticato, mentre la Commissione Tributaria di primo grado aveva ridotto l'importo da imputarsi a ciascun servizio funebre prestato dall'impresa in questione ad € 2.000,00. La Commissione Tributaria Regionale, nel confermare la sentenza di primo grado ha considerato che il primo giudice aveva adottato una soluzione equitativa che teneva conto della regolarità della contabilità e della vetustà dei mezzi adoperati dall'impresa nell'esercizio della propria attività come dedotto dai ricorrenti, e della mancata prova della richiesta del servizio aggiuntivo di addobbi floreali e di necrologi considerati dall'Ufficio. Gli eredi M. hanno proposto ricorso per cassazione avverso detta sentenza articolato su tre motivi. L'Agenzia delle Entrate resiste con controricorso.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo si lamenta omessa, insufficiente, carente e contraddittoria motivazione della sentenza ex art. 360, nn. 4 e 5 cod. proc. civ. il motivo è infondato in quanto con la sentenza impugnata viene dato conto sinteticamente dei motivi della decisione che non si limita ad un mero rinvio alla sentenza di primo grado di cui viene richiamata l'equità, ma opera riferimenti alla fondatezza dei rilievi dell'Ufficio ed alla regolarità della contabilità, e ciò è sufficiente ad escludere l'omessa motivazione che richiede, invece, l'assoluta mancanza di elementi che consentano di individuare l'iter logico compiuto dal giudicante per pervenire alla decisione al fine di individuarne la ratio decidendi nonché di valutarne l'eventuale impugnazione. Con il secondo motivo si deduce violazione e falsa applicazione di norma di diritto, nullità della sentenza o del procedimento ex art. 360, nn. 3 e 4 cod. proc. civ., violazione e falsa applicazione degli artt. 112 e 132 cod. proc. civ. e 36 d.lgs. 546 del 1992. Il motivo è infondato per le medesime ragioni di cui al motivo precedente: il giudice dell'appello ha infatti indicato molto sinteticamente le ragioni per cui l'accertamento contestato è solo parzialmente illegittimo facendo riferimento a circostanze di fatto comunque considerate, per cui non sussiste nemmeno la denunciata omessa pronuncia sui motivi di ricorso come dedotto dai ricorrenti.

Con il terzo motivo si lamenta violazione e falsa applicazione di norme di diritto ex art. 360, n. 3 cod. proc. civ., violazione e falsa applicazione degli artt. 39, primo comma lett. d) d.P.R. 600 del 1973, 2729 e 2697 cod. civ., 53 e 111 Cost., 112, 115 e 116 cod. proc. civ. In particolare si deduce che, a fronte della lamentata illegittimità dell'accertamento in questione, il giudice di merito si è limitato ad una riduzione equitativa del reddito accertato senza pervenire alla logica conseguenza dell'illegittimità dell'accertamento stesso con la dichiarazione di nullità dello stesso.

Il motivo è fondato. Il giudice del merito, accertata l'illegittimità parziale dell'accertamento del reddito è tenuto a determinarne conseguentemente l'ammontare senza ricorrere ad una soluzione intermedia equitativa. Va premesso che, dalla natura del processo tributario - il quale non è annoverabile tra quelli di impugnazione-annullamento, ma tra i processi di impugnazione-merito, in quanto non è diretto alla sola eliminazione giuridica dell'atto impugnato, ma alla pronuncia di una decisione di merito sostitutiva sia della dichiarazione resa dal contribuente che dell'accertamento dell'Ufficio - discende che ove il giudice tributario ritenga invalido l'avviso di accertamento per motivi non formali, ma di carattere sostanziale, non può limitarsi ad annullare o a modificare l'atto impositivo, ma deve esaminare nel merito la pretesa tributaria e, operando una motivata valutazione sostitutiva, eventualmente ricondurla alla corretta misura, entro i limiti posti dalle domande di parte (Cass. 15825/06, 17127/07, 19079/09). Nel caso di specie il giudice tributario, riconosciuta l'incongruenza dell'accertamento dell'Ufficio, non offre tuttavia alcuna verificabile motivazione riguardo ai criteri ed alle ragioni che lo inducono a ridurre ad € 2.000,00 il ricavo presunto di ciascun servizio funebre facendo mero ricorso all'equità, ed in tali limiti - dovendosi escludere la sussistenza di qualsivoglia potere equitativo (da ultimo Cass. 10656/09) - il ricorso va accolto e la sentenza impugnata cassata con rinvio, anche per il regolamento delle spese del giudizio di legittimità, alla stessa Commissione Tributaria Regionale della Campania in diversa composizione che terrà conto del suddetto principio.

P.Q.M.

La Corte di Cassazione rigetta i primi due motivi di ricorso e accoglie il terzo;

Cassa la sentenza impugnata in relazione al motivo accolto e rinvia, anche per le spese, alla Commissione Tributaria Regionale della Campania in diversa composizione. Roma, 14 maggio 2019

***

Vai alla Pagina Principale e usa il modulo per contattarci e richiedere una consulenza: https://www.studiotributariodlp.it 

***

Letto 1029 volte
DLP