Compila il Modulo contatti o contattaci via whatsapp (no sms) 3791893087 

Riconosciuto il diritto alla detrazione della società immobiliare che effettuava locazioni e godeva del pro rata. Ricorso della società accolto dalla Corte di Cassazione. Avviso annullato. Featured

Scritto da Avv. Federico Pau
Vota l'articolo!
(0 voti)

Estratto: sorgendo il diritto alla detrazione dell'imposta relativa ai beni e servizi acquistati nel momento in cui l'imposta diviene esigibile (art. 19 del d.P.R. n. 633 del 1972) - e, dunque, nel caso di specie nell'anno 2004 -, non può trovare applicazione la modifica dell'art. 19 bis.1, primo comma, lett. i), del d.P.R. n. 633 del 1972 introdotta con il d.l. n. 223 del 2006, in vigore dal 4 luglio 2006, che esclude dal novero soggetti che hanno diritto alla detrazione dell'imposta quelli che effettuano la rivendita dei fabbricati ad uso abitativo; 2.4.2. secondariamente, perché la seconda parte del menzionato art. 19 bis.1, primo comma, lett. i), prevede - diversamente da quanto ritenuto dalla CTR - che il diritto alla detrazione spetta anche ai soggetti che effettuano locazione di immobili ad uso abitativo (come la S. s.r.I.) e godano del regime cd. del pro rata”.

Torna alla Pagina Principale: https://www.studiotributariodlp.it 

Iscriviti al nostro canale Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCwYYt0S4B1mOlNSbg7P584w?sub_confirmation=1

***

Per contattarci e richiedere una consulenza compila il modulo contatti che trovi nella pagina principale (https://www.studiotributariodlp.it/index.php) o nella pagina contatti.

DLP Studio Tributario è stato accettato per entrare a far parte del Network Internazionale YITL (yourinternationaltaxlawyers.net), che aspira a creare un punto di contatto tra i migliori avvocati tributaristi internazionali al mondo ed i clienti.

Per aiutare un sempre maggior numero di persone, e ridurre i costi per i contribuenti relativi ad attività consulenziali su misura, il network YITL ha predisposto due nuovi CORSI RIVOLTI A TE CONTRIBUENTE, che ti permetteranno:

CORSO 1: delocalizzare guadagnandoci e/o trasformare la tua impresa nazionale in una impresa globale, individuare e scegliere consapevolmente gli Stati migliori per trasferire la tua residenza fiscale, gli Stati migliori per aprire una società offshore e gli Stati migliori per investire; incrementare i tuoi guadagni, ridurre o azzerare le tasse, scoprire ed accedere a lucrative opportunità in ambito internazionale, migliorare la tua qualità di vita, elaborare un piano B per tutelarti in caso di pandemie / guerre / aumenti di prezzi / blocco dei prelievi sui conti corrente e/o fallimento degli Istituti bancari di un dato Paese, o altri potenziali futuri problemi, ed da ultimo aumentare il tuo livello di libertà e sicurezza riguardo il futuro grazie ad un elaborato sistema di tax planning internazionale: https://yourinternationaltaxlawyers.net/index.php/course-1

CORSO 2: iniziare a risparmiare tasse immediatamente scoprendo i 10 cavilli fiscali nascosti, utilizzati dagli appartenenti alla élite, ed ignorati dal 99.9 per cento delle persone, per pagare molte meno tasse rispetto all’imprenditore medio, anche senza trasferire la propria residenza fiscale né spostarsi in altri Stati, e cambiare drasticamente la tua mentalità per quanto riguarda le decisioni di vita ed imprenditoriali, di modo tale da associare a ciascuna decisione anche un guadagno e risparmio fiscalehttps://yourinternationaltaxlawyers.net/index.php/course-2

Abbiamo concordato una riduzione di prezzo dei corsi a beneficio dei clienti di DLP, esteso recentemente anche utenti e visitatori di questo sito; per accedervi potete contattare il network all’indirizzo info@yourinternationaltaxlawyers.net, scrivendo nell’oggetto della mail “discount” ed il corso a cui siete interessati, ed il network vi riconoscere uno sconto particolarmente alto rispetto al prezzo originario.

***

Corte di Cassazione, Sez. 5

Ordinanza n. 28045 del 31 ottobre 2019

RILEVATO CHE

1. con sentenza n. 101/24/13 del 06/06/2013 la Commissione tributaria regionale della Sicilia (di seguito CTR) accoglieva l'appello proposto dalla Agenzia delle entrate avverso la sentenza n. 422/07/11 della Commissione tributaria provinciale di Agrigento (di seguito CTP), che aveva a sua volta accolto il ricorso della S. s.r.l. avverso l'avviso di accertamento che negava la sussistenza di un credito IVA relativo all'anno d'imposta 2004 e derivante dall'acquisto di immobili ad uso abitativo;

1.1. come si evince anche dalla sentenza della CTR: a) la sussistenza del credito IVA era stata disconosciuta in quanto la società ricorrente non esercitava, in via esclusiva o principale, l'attività di costruzione e/o rivendita di fabbricati, ma svolgeva essenzialmente attività di locazione di immobili; b) la CTP accoglieva il ricorso della società contribuente; c) la sentenza della CTP era impugnata dalla Agenzia delle entrate; 1.2. su queste premesse, la CTR motivava l'accoglimento dell'appello evidenziando che non sussistevano le condizioni, previste dall'art. 19 bis.1, primo comma, lett. i), del d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 per la detrazione dell'IVA sull'acquisto dei fabbricati, in quanto: a) la società contribuente non svolgeva attività di costruzione di immobili; b) il riferimento all'attività di vendita di fabbricati era stato soppresso dal d.l. 4 luglio 2006, n. 223, conv. con modif. nella I. 4 agosto 2006, n. 248; c) una corretta interpretazione della menzionata disposizione induceva ad escludere la detrazione per l'attività di locazione di immobili non agricoli; 2. la S. s.r.l. impugnava la sentenza della CTR con tempestivo ricorso per cassazione, affidato ad un unico motivo, e depositava memoria ex art. 380 bis.1 cod. proc. civ.; 3. l'Agenzia delle entrate resisteva con controricorso.

CONSIDERATO CHE

1. con l'unico motivo di ricorso la S. s.r.l. deduce la violazione dell'art. 6, 19 e 19 bis.1 del d.P.R. n. 633 del 1972, in relazione all'art. 360, primo comma, n. 3, cod. proc. civ., evidenziando che avrebbe errato la CTR: a) a considerare retroattiva la disposizione modificativa dell'art. 19 bis.1, primo comma, lett. i), del d.P.R. n. 633 del 1972 (d.l. n. 223 del 2006), che aveva escluso il diritto alla detrazione ai soggetti che esercitano attività di rivendita di immobili, prima espressamente considerati dalla norma; b) a considerare che le società che esercitano attività di gestione di immobili non hanno diritto alla detrazione dell'IVA;

2. il motivo è fondato nei termini che seguono; 2.1. la CTR ha accertato che l'attività commerciale prevalentemente esercitata dalla società contribuente era quella di rivendita di immobili o locazione degli stessi e ha escluso la detraibilità dell'IVA sugli acquisti immobiliari effettuati nell'anno 2004 per due ordini di ragioni: a) perché l'art. 19 bis.1 del d.P.R. n. 633 del 1972 è stato modificato dal d.l. n. 223 del 2006, non contemplando più la norma tra i soggetti che hanno diritto alla detrazione quelli che esercitano attività di rivendita degli immobili;

b) perché il diritto alla detrazione è previsto, altresì, per i soli soggetti che svolgono l'attività di locazione o affitto di fondi agrari;

2.2, orbene, secondo la previsione dell'art. 19 bis.1, primo comma, lett. i), del d.P.R. n. 633 del 1972, «non è ammessa in detrazione l'imposta relativa all'acquisto di fabbricati, o di porzione di fabbricato, a destinazione abitativa né quella relativa alla locazione o alla manutenzione, recupero o gestione degli stessi, salvo che per le imprese che hanno per oggetto esclusivo o principale dell'attività esercitata la costruzione o la rivendita dei predetti fabbricati o delle predette porzioni. La disposizione non si applica per i soggetti che esercitano attività che danno luogo ad operazioni esenti di cui al numero 8) dell'articolo 10 che comportano la riduzione della percentuale di detrazione a norma dell'articolo 19, comma 5, e dell'articolo 19-bis»;

2.3. la disposizione prevede, dunque, un divieto di detraibilità oggettiva dell'IVA relativa all'acquisto di fabbricati abitativi (Cass. n. 10264 del 26/04/2017), che trova deroga unicamente per le imprese che hanno ad oggetto esclusivo o principale l'attività di costruzione (Cass. n. 6883 del 08/04/2016) e, prima dell'entrata in vigore del d.l. n. 223 del 2006, anche quella di rivendita dei menzionati fabbricati;

2.3.1. la deroga al divieto di detrazione è, altresì, consentita per quelle imprese, diverse da quelle che hanno costruito gli immobili locati, che, svolgendo attività (tra l'altro) di locazione di fabbricati, usufruiscono del regime cd. del pro rata di cui all'art. 19 bis, quinto comma, del d.P.R. n. 633 del 1972 (art. 10, primo comma, n. 8, del d.P.R. n. 633 del 1972);

2.4. non è dubbio, pertanto, che la CTR abbia erroneamente interpretato le disposizioni sopra menzionate;

2.4.1. in primo luogo, sorgendo il diritto alla detrazione dell'imposta relativa ai beni e servizi acquistati nel momento in cui l'imposta diviene esigibile (art. 19 del d.P.R. n. 633 del 1972) - e, dunque, nel caso di specie nell'anno 2004 -, non può trovare applicazione la modifica dell'art. 19 bis.1, primo comma, lett. i), del d.P.R. n. 633 del 1972 introdotta con il d.l. n. 223 del 2006, in vigore dal 4 luglio 2006, che esclude dal novero soggetti che hanno diritto alla detrazione dell'imposta quelli che effettuano la rivendita dei fabbricati ad uso abitativo;

2.4.2. secondariamente, perché la seconda parte del menzionato art. 19 bis.1, primo comma, lett. i), prevede - diversamente da quanto ritenuto dalla CTR - che il diritto alla detrazione spetta anche ai soggetti che effettuano locazione di immobili ad uso abitativo (come la S. s.r.I.) e godano del regime cd. del pro rata;

3. in conclusione, la sentenza va cassata e, non essendoci ulteriori questioni di fatto da esaminare, svolgendo la società ricorrente attività prevalente di rivendita di fabbricati, la causa può essere decisa nel merito, con l'accoglimento dell'originario ricorso della S. s.r.l.;

3.1. in ragione della peculiarità e difficoltà della questione affrontata, sussistono giusti motivi per l'integrale compensazione tra le parti delle spese di lite.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, accoglie l'originario ricorso della ricorrente; dichiara compensate tra le parti le spese dell'intero giudizio. Così deciso in Roma il 5 febbraio 2019.

***

Torna alla Pagina Principale: https://www.studiotributariodlp.it 

Iscriviti al nostro canale Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCwYYt0S4B1mOlNSbg7P584w?sub_confirmation=1

***

Per contattarci e richiedere una consulenza compila il modulo contatti che trovi nella pagina principale (https://www.studiotributariodlp.it/index.php) o nella pagina contatti.

DLP Studio Tributario è stato accettato per entrare a far parte del Network Internazionale YITL (yourinternationaltaxlawyers.net), che aspira a creare un punto di contatto tra i migliori avvocati tributaristi internazionali al mondo ed i clienti.

Per aiutare un sempre maggior numero di persone, e ridurre i costi per i contribuenti relativi ad attività consulenziali su misura, il network YITL ha predisposto due nuovi CORSI RIVOLTI A TE CONTRIBUENTE, che ti permetteranno:

CORSO 1: delocalizzare guadagnandoci e/o trasformare la tua impresa nazionale in una impresa globale, individuare e scegliere consapevolmente gli Stati migliori per trasferire la tua residenza fiscale, gli Stati migliori per aprire una società offshore e gli Stati migliori per investire; incrementare i tuoi guadagni, ridurre o azzerare le tasse, scoprire ed accedere a lucrative opportunità in ambito internazionale, migliorare la tua qualità di vita, elaborare un piano B per tutelarti in caso di pandemie / guerre / aumenti di prezzi / blocco dei prelievi sui conti corrente e/o fallimento degli Istituti bancari di un dato Paese, o altri potenziali futuri problemi, ed da ultimo aumentare il tuo livello di libertà e sicurezza riguardo il futuro grazie ad un elaborato sistema di tax planning internazionale: https://yourinternationaltaxlawyers.net/index.php/course-1

CORSO 2: iniziare a risparmiare tasse immediatamente scoprendo i 10 cavilli fiscali nascosti, utilizzati dagli appartenenti alla élite, ed ignorati dal 99.9 per cento delle persone, per pagare molte meno tasse rispetto all’imprenditore medio, anche senza trasferire la propria residenza fiscale né spostarsi in altri Stati, e cambiare drasticamente la tua mentalità per quanto riguarda le decisioni di vita ed imprenditoriali, di modo tale da associare a ciascuna decisione anche un guadagno e risparmio fiscalehttps://yourinternationaltaxlawyers.net/index.php/course-2

Abbiamo concordato una riduzione di prezzo dei corsi a beneficio dei clienti di DLP, esteso recentemente anche utenti e visitatori di questo sito; per accedervi potete contattare il network all’indirizzo info@yourinternationaltaxlawyers.net, scrivendo nell’oggetto della mail “discount” ed il corso a cui siete interessati, ed il network vi riconoscere uno sconto particolarmente alto rispetto al prezzo originario.

Letto 2194 volte